Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 20.45 del 24 Maggio 2019

"La borsa e la vita", la mostra in programma al Ducale prorogata fino al 19 maggio

`La borsa e la vita`, la mostra in programma al Ducale prorogata fino al 19 maggio

Genova - E' stata prorogata fino al 19 maggio la mostra "La borsa e la vita" di Claire Fontaine, che presenta una selezione di opere realizzate dall’artista a partire dal 2004 intorno all’idea di valore e di frugalità, in relazione all’istituzione a Genova nel1407 di uno dei primi istituti bancari al mondo, la Casa delle compere e dei banchi di San Giorgio.

“La borsa e la vita” riprende il grido dei briganti per evidenziare come le nostre vite siano in balia delle fluttuazioni borsistiche, di un sistema economico che esige da noi non solo il denaro ma anche il tempo. Le opere seguono tutte il filo rosso dell’economia: i Begging Painting e i Wishing Painting calamitano a sé monete reali per evidenziarne il valore, anche desiderante, e l’idea del mendicare o dell’auspicare una miglior fortuna; opere in forma di monete recanti la scritta Please God Make Tomorrow Better sono offerte gratuitamente ai visitatori; le Living Statues riflettono invece sulla mercificazione dei soggetti e a loro volta
potrebbero indurre all’offerta di denaro.

Opere scultoree, sempre con monete reali, come Change, alludono ai metodi di protezione per difendersi da un sistema economico che esclude i più deboli; mentre in Untitled (Money Trap) l’artista ha fatto perforare una cassaforte in modo che la mano possa entrarvi aperta ma non uscire se chiusa, evocando l’avidità ed esibendo anche l’aspetto illusorio dei dispositivi di sicurezza.

Gli spazi espositivi sono trasformati da Newsfloor, concepita per l’occasione con copie de Il Sole 24 Ore, creando un’immersione nell’attualità delle notizie economiche. La mostra è pensata come un discorso, un insieme di frasi visive che si combinano e s’intrecciano tra loro e che trovano un raccordo sia nell’installazione a pavimento, che in una serie di interventi testuali lungo le pareti dello spazio. Parte integrante del percorso sono infatti una serie testi di Claire Fontaine combinati a citazioni sulla storia economica di Genova, a cura del Dipartimento di Economia.

Il lavoro dell’artista finalista nel 2013 del prestigioso Prix Marcel Duchamp ed esposto in musei internazionali tra cui il Jewish Museum di New York, Museion di Bolzano e Le Confort Moderne di Poitiers (attualmente in corso) si associa ‘naturalmente’ alla città di Genova e lo fa a partire dal luogo che ne rappresenta meglio la storia, il Palazzo Ducale da cui si irraggia la mostra grazie a un lavoro, Untitled (rust & tears) che compare sul portale di ingresso su Piazza Matteotti di e che si diffonde nella città grazie ai supporti di comunicazione.

Lunedì 29 aprile 2019 alle 15:30:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova


































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News