Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 21.45 del 21 Aprile 2019

"Peter Pan" in scena al Duse

`Peter Pan` in scena al Duse

Genova - Dopo il tutto esaurito della prima alla Sala Mercato, lo spettacolo Peter Pan, prodotto dal Teatro Nazionale di Genova e dalla Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani Onlus di Torino, sarà in scena al Teatro Duse sabato 23 marzo alle ore 16, ultimo appuntamento della rassegna per famiglie Sabato a teatro.

Diretto da Giorgio Scaramuzzino lo spettacolo è ispirato al celebre romanzo di James M. Barrie e ha come tema portante quello dell’immaginazione. «Il nostro mondo è sempre più bombardato da immagini ma paradossalmente diventa difficile, persino per i bambini, sviluppare e preservare la capacità di immaginare, facoltà mentale fondamentale per l’essere umano». Questa la considerazione da cui è partito il regista, che ha scritto lo spettacolo insieme agli attori e autori della Fondazione TRG Pasquale Buonarota e Alessandro Pisci, anche in scena nei ruoli di Capitan Uncino e Peter Pan, mentre Wendy, la bambina che segue Peter sull’Isola che non c’è, è interpretata da Celeste Gugliandolo.

Sei giovani attori - Francesco Bovara, Simone Cammarata, Michele De Paola, Davide Mazzella, Gianmarco Mancuso, Federico Pasquali - li affiancano sul palco incarnando con grande energia ora la Banda dei Bambini Sperduti, ora i Pirati di Capitan Uncino.
Sulle gradinate mobili che compongono la scena, trasformandosi nella nave dei Pirati e nell’Isola che non c’è (opera di Lorenza Gioberti, così come i costumi), vengono inoltre invitati a sedersi alcuni bambini, che diventano parte integrante dello spettacolo, mentre i cambi di atmosfera vengono suggeriti dalle luci di Aldo Mantovani. Le musiche e le canzoni composte da Paolo Silvestri accompagnano tutto lo spettacolo, trasformandolo di fatto in un musical.

«Peter Pan ci è sembrato un ottimo pretesto per ribadire il fatto che il sogno e l’immaginario infantile non devono mai spegnersi, anche quando inevitabilmente il nostro corpo affronta l’età adulta» conclude Giorgio Scaramuzzino. «Essere bambini dentro non per rifiutare responsabilità e voltare le spalle alla realtà, ma per affrontare il quotidiano con più leggerezza e originalità».

Giovedì 21 marzo 2019 alle 12:00:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova


































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News