Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 21.45 del 21 Aprile 2019

"Tuo per sempre", dal 28 al 30 marzo in prima nazionale alla Sala Mercato

`Tuo per sempre`, dal 28 al 30 marzo in prima nazionale alla Sala Mercato

Genova - L’amore, la gelosia, la paura del diverso. Ovvero l’Otello di Shakespeare in una classe di ragazzi di oggi. Dopo avere raccontato il vissuto degli adolescenti ispirandosi alla letteratura e al cinema con spettacoli come La terza Onda, Come pesci in un acquario e Swing Heil! la regista Elena Dragonetti si è confrontata con uno dei più noti testi shakespeariani per Tuo per sempre, in prima nazionale alla Sala Mercato dal 28 al 30 marzo (giovedì ore 19.30, venerdì e sabato ore 20.30, matinée per le scuole 27, 28 marzo, 1 e 2 aprile ore 10.30).
Nato da un nuovo percorso laboratoriale, Tuo per sempre, prodotto dal Teatro Nazionale di Genova in collaborazione con Narramondo, vede in scena gli attori Andreapietro Anselmi, Fabrizio Costella e Alessandro Pizzuto insieme a 13 studenti (Fallou Diop, Dario Furini, Michael Latta, Andrea Lucà, Loena Lusha, Beatrice Marchetti, Micol Mourino Santas, Pietro Muzzini, Emanuele Niego, Marta Piazza, Arianna Raffo, Halia Ruiu, Benedetta Tartaglia), che provengono da diversi istituti superiori genovesi e partecipano allo spettacolo nell’ambito di progetti di alternanza scuola lavoro.

«L’Otello è la tragedia della gelosia e del sesso, pulsioni tipiche dell’adolescenza. Ma ci parla anche di rapporti interrazziali e culturali, della potenza manipolatoria delle parole che danno fondamento alla xenofobia, alla misoginia, alle tante forme di intolleranza di cui si compone la società ieri come oggi - dichiara Elena Dragonetti - Lasciare che siano i ragazzi a raccontare la storia di Otello a noi è un modo per fare i conti con i fantasmi dell’inconscio collettivo con cui la società costruisce e rinsalda i propri parametri in tempi di crisi e li trasmette alle nuove generazioni, continuando a proiettare fuori di sé, sullo straniero, tutto ciò che ha di inconfessabile».

Sabato 23 marzo 2019 alle 10:30:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova


































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News