Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 18.23 del 11 Dicembre 2018

A Viganego di Bargagli è tempo di "Presepe nel Bosco"

A Viganego di Bargagli è tempo di  `Presepe nel Bosco`

Genova - Merita certamente una visita il Presepe del Bosco di Viganego di Bargagli, piccolo paese sito nella Val Lentro. Bastano trenta minuti d’auto, partendo dal centro di Genova, per arrivare in un luogo silenzioso, profumato dalla terra e colorato da una natura generosa. E proprio accanto alla nuova Chiesa di San Siro, in quella che dieci anni fa era una porzione di bosco, sorge questo piccolo gioiello, un concentrato di
ingegneria, architettura, matematica, che ci regala un angolo di infinita bellezza, poesia, cultura e tradizione. Il Presepe nel Bosco delinea un tipico paesaggio ligure. Le costruzioni, realizzate interamente con pietra del posto, sono alte tra i 60 e i 70 centimetri e si possono ammirare grazie a un piccolo sentiero che vi corre in mezzo. Se il complesso regala immediatamente un suggestivo colpo d’occhio, è poi la ricerca
e la scoperta dei dettagli esterni e interni di ogni costruzione che lascia profondamente meravigliati. Molte di esse infatti, hanno stanze arredate in miniatura e popolate da persone e animali. L’idea del Presepe nel Bosco è nata da Cosimo Tondo, soprannominato Mino, per creare un polo di attrazione attorno al quale si potessero raccogliere fondi dedicati alla costruzione di un nuovo campanile per la Chiesa di San Siro, adiacente al Presepe, ricostruita negli anni 1965-1966 e consacrata dal Cardinal Giuseppe Siri nel giugno del 1967. La Chiesa ospita al suo interno le cinque campane storiche del 1700 – che vale la pena di vedere – da reintegrare nel nuovo campanile. Sempre all'interno sono conservate diverse opere pittoriche e scultoree, provenienti dal vecchio edificio, quali due statue in marmo e in legno; la prima, di scultore ignoto, è dedicata alla Madonna della Neve, la seconda ritrae la Madonna del Rosario con il Bambino Gesù dello scultore Anton Maria Maragliano. È inoltre custodito un dipinto del pittore Lorenzo Fasolo di Pavia datato al 13 maggio del 1503 ritraente i Santi Siro, Rocco e Sebastiano e un gruppo ligneo sulla cassa processionale raffigurante l'apparizione mariana di Nostra Signora di
Montallegro ad un contadino avvenuta a Rapallo il 2 luglio del 1557. Cosimo Tondo, aiutato da alcuni collaboratori locali, ha iniziato il lavoro di costruzione del Presepe nel 2000. Strumenti di lavoro: pochi attrezzi artigianali e le proprie mani. Nessun mezzo o strumento industriale, alcuna tecnologia. I collaboratori lo hanno aiutato nel trasporto delle pietre, lo hanno sostenuto, ma progetto e fabbricazione è stata opera sua. Nella primavera del 2009 una grave malattia ha causato l’interruzione forzata del lavoro del Signor Tondo, che ha lasciato ai collaboratori locali il compito di ultimare il Presepe e a noi tutti un capolavoro da ammirare e una buona causa da appoggiare.
Nel 2008 le presenze totali sono state circa seimila. Nel 2009 l’obiettivo è coinvolgere un pubblico più vasto per arrivare a raddoppiare il numero di visitatori.
Sarà rispettata la consueta apertura nella Notte di Natale; poi, dal 25 Dicembre il Presepe sarà visitabile secondo i seguenti orari:
- fino all’11 gennaio 2010 tutti i giorni dalle 10:30 alle 12:30 e dalle 14:30
alle 18:30;
- dal 12 gennaio al 28 febbraio 2010 il sabato e la domenica dalle 14:30
alle 18:30
Gruppi numerosi, Associazioni, Parrocchie, Scout, Scuole, ecc. possono prenotare
telefonando ai numeri: 328.1189907 Sig.ra Germana – 349.3690878 Don
Roberto – 010.900164 Sig.ra Stefania.
L’ingresso è a offerta libera, non obbligatoria, anche se occorre rammentare
l’obiettivo per cui il Presepe è nato. I volontari locali, oltre ad accompagnare i
visitatori e rispondere a tutte le loro domande, mettono quest’anno a disposizione un piccolo chiosco dove vengono offerte bevande calde. La visita al Presepe nel Bosco non può mancare in un itinerario natalizio per famiglie, per gli amanti dei Presepi, per studiosi di arte, ingegneria e architettura. Ma anche semplicemente per chi vuole fare un’esperienza nuova o semplicemente per curiosità. L’emozione è assicurata, in tutti i casi. Per raggiungere Viganego di Bargagli: imboccare la strada statale n.45 in
direzione Bargagli e, dopo pochi minuti da Prato, deviare sulla destra in direzione
Viganego, Terrusso e Cisiano. Alla deviazione è presente una visibile indicazione del Presepe. Seguite la strada per 4 Km circa fino a Viganego, presso la Chiesa nuova di S.Siro. Il Presepe si trova nel bosco adiacente la Chiesa, visibile dalla strada.

Giovedì 24 dicembre 2009 alle 21:00:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova

































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News