Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 21.00 del 25 Aprile 2019

Bucci: «Non dobbiamo scordare i crimini del passato»

Celebrato a Palazzo Ducale il Giorno della Memoria.

Bucci: «Non dobbiamo scordare i crimini del passato»

Genova - Nella sala del Maggior Consiglio di Palazzo Ducale, il sindaco di Genova Marco Bucci ha partecipato, insieme alle massime autorità istituzionali cittadine, alla Cerimonia ufficiale per la cerimonia ufficiale del Giorno della Memoria. Istituito con la legge 211 del 20 luglio 2000, il Giorno della Memoria si celebra ogni anno il 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz. Momento centrale della mattinata è stato lo spettacolo teatrale “Ritorno al Lager”, monologo messo in scena dallo scrittore, attore e regista Pino Petruzzelli. Il toccante racconto di un viaggio, a Dachau e Mathausen, insieme ad un ex deportato, Ezio, che torna, settant’anni dopo, a visitare il lager dove era stato internato.

Crimini - Presenti in sala le scolaresche - della scuola primaria e secondaria – delle classi vincitrici del concorso “I giovani ricordano la Shoah” indetto dal Miur, cui sono stati consegnati i premi. Gli studenti premiati hanno presentato brevemente i loro lavori che vanno dall’elaborato al libro animato, dal video al cortometraggio. «Voi siete già cittadini genovesi – ha detto il Sindaco Marco Bucci rivolgendosi ai bambini con parole adatte alla loro età – ma in futuro avrete in mano le redini di questa città. Oggi siamo qui perché nella storia ci sono stati crimini che non dobbiamo scordare. In tutta la storia umana ci sono stati cicli di violenza, ma bisogna essere forti e dimostrare che non vogliamo un mondo dominato dalla violenza. Ricordare per fare in modo che ci sia sempre rispetto per le persone umane».

Ricordo - Per la Regione Liguria è intervenuta l’assessore alla Comunicazione istituzionale Ilaria Cavo che ha ricordato la testimonianza di Liliana Segre, un anno fa al Carlo Felice, e la reazione dei ragazzi in termini di attenzione e di entusiasmo, quando «Lilliana Segre ha avuto la delicatezza di venire qui a salutare chi aveva seguito il suo intervento su maxischermo in questo salone. Ora quella testimonianza è diventata un DVD, che tutti potete avere, per riflettere ancora su quel messaggio di consapevolezza e speranza, di senso di giustizia e non vendetta».

Medaglia - Il prefetto Fiamma Spena, nel ripercorrere brevemente alcune ‘pagine infamanti della nostra storia’ - come quella del 3 novembre 1943, giorno in cui ebbe inizio la deportazione degli ebrei genovesi – ha voluto sottolineare che esiste una «memoria anche per la dissociazione e che merita di essere ricordato alle giovani generazioni anche chi, a rischio della propria, salvò vite umane». Ed è dalle dalle mani del Prefetto, che il Sindaco ha ricevuto la medaglia concessa dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella “per le iniziative programmate nel territorio della Città Metropolitana per commemorare il ricordo dell’Olocausto, delle leggi razziali e della persecuzione dei cittadini ebrei”.

Infine sono state attribuite le medaglie d’onore concesse dal Presidente della Repubblica a deportati e internati nei lager, a coloro che sono stati destinati al lavoro coatto e ai familiari dei deceduti. L'Associazione nazionale ex deportati nei campi nazisti, nella persona di Gilberto Salmoni, ha consegnato la pergamena di nomina di eredi dell’Aned.

Lunedì 28 gennaio 2019 alle 16:20:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova


































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News