Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 19.00 del 25 Maggio 2019

Paganini Rockstar chiude con 45.454 presenze

Tra i personaggi che hanno visitato la mostra Salvatore Accardo, Morgan, Neri Marcorè, Adriano Panatta, Cesare Prandelli, Stefano Accorsi, Ara Malikian, Daniel Libeskind, Martin Chalfie.

successo di pubblico
Paganini Rockstar chiude con 45.454 presenze

Genova - Il progetto espositivo Paganini Rockstar, dedicato al grande musicista genovese, ha chiuso i battenti con la partecipazione di 45.454 persone.

Personaggio - «Il confronto ideale e non scontato che ha accostato alla figura del “violinista del Diavolo” uno dei più grandi solisti del rock, Jimi Hendrix , voluto dal principale curatore, Roberto Grisley (recentemente scomparso), ha messo in luce attraverso un’analisi approfondita delle tecniche, della costruzione del personaggio mito, delle vicende pubbliche e private e non ultimo del rapporto con il pubblico, le caratteristiche che oggi ci fanno accomunare due grandi musicisti così lontani nel tempo».

Testimonianze - «E’ stato un progetto coraggioso e innovativo, che attraverso un percorso multimediale caratterizzato dalle testimonianze video di Salvatore Accardo, Morgan, Gianna Nannini, Roberto Bolle e Ivano Fossati, ha presentato anche documenti e rari spartiti autografi di Paganini, oggetti e infine il famoso Guarneri del Gesù, l’amato violino “Cannone” a confronto con un frammento della chitarra di Hendrix nella cornice splendida e affrescata della Cappella dogale, un tempo anche Cappella musicale».

Eventi - «Numerosi i laboratori per bambini e ragazzi, le iniziative collaterali e le visite guidate. In particolare il SoundLab ha permesso soprattutto ai giovani di sperimentare materialmente la musica con la possibilità di suonare la chitarra elettrica e di comporre un proprio brano. Il laboratorio del liutaio ricostruito e i 4 appuntamenti in mostra con il maestro liutaio Alberto Giordano hanno avvicinato il pubblico a un’arte antica e poco conosciuta come quella della costruzione del violino, della sua conservazione e della tecnica».




Lunedì 11 marzo 2019 alle 17:30:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova


































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News