Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 10.00 del 20 Agosto 2018

Partita del Cuore da record: «Quando si tratta di beneficenza i genovesi non sono tirchi» | Video

Così Paolo Belli alla conferenza di presentazione in Sala Trasparenza

BENEFICENZA
Partita del Cuore da record: «Quando si tratta di beneficenza i genovesi non sono tirchi»<span class=´linkFotoA1Articolo´> | <a href=´/videogallery/viviano-scommette-su-kownacki-sara-lui-la-nostra-sorpresa-al-mondiale-1873.aspx´ class=´FotoVideoA1´>Video</a></span>

Genova - «Credo sia uno straordinario momento di solidarietà collettivo che unisce l’Airc e il Gaslini, luogo particolarmente simbolico per il nostro futuro» spiega Giovanni Toti alla conferenza di presentazione della Partita del Cuore.

«Credo che per Genova quest’occasione di sport dia l’idea della centralità che la nostra città vuole avere assieme alla nostra Regione. Ci siamo impegnati tanto, domani mattina un gigantesco pallone a cuore comparirà in piazza De Ferrari per convincere chi non l’ha ancora fatto ad acquistare il biglietto. Chi tifo tra cantanti e sorridenti? Tiferò per l’equità, così come sto nel mezzo quando giocano Genoa e Sampdoria» continua il presidente della Regione Liguria.

Impegno che ha fatto proprio anche il Comune di Genova. «Stiamo lavorando assieme alla Regione Liguria affinché tutto vada per il meglio» annuncia Stefano Anzalone. Così come Toti, anche il consigliere con delega allo Sport non si sbilancia: «Il primo tempo tiferò per la nazionale cantanti e il secondo per la nazionale del sorriso. Ma l’importante - conclude Anzalone - è che vinca il Gaslini».

Non poteva mancare, a fare gli onori di casa, il presidente della Nazionale Cantanti Paolo Belli. «Il primo pensiero va al sogno con il quale nasce la partita del cuore. Il sogno di Mogol, che un giorno decise di creare questa compriccola di amici. Oramai sono 30 anni che siamo in società e abbiamo devoluto tantissimo».

«Ma l’aspetto più importante che mi preme raccontare - prosegue Belli - è il ricordo di Genova a Fabrizio Frizzi, che era uno dei nostri». La partita del Cuore sarà occasione poi per sfatare un vecchio mito. «Conosco bene i genovesi, dobbiamo sfatare il mito di chi dice che siano tirchi. I genovesi stanno dimostrando di non esserlo, perché i numeri che stiamo raggiungendo sono importanti. La generosità è il modo migliore per investire il proprio denaro. Siamo a 22 mila biglietti venduti. Un risultato straordinario, però vorrei realizzare il mio sogno - ossia - dimostrare davanti a tutta Italia che i genovesi e i liguri sono generosi».

Oltre al deus ex machina Gianni Morandi, ci saranno: Enrico Ruggeri, Niccolò Fabi, Neri Marcorè, Benji e Fede, Riki, la band dello Stato Sociale, Ermal Meta e Fabrizio Moro. Ma ci saranno anche i calciatori: Francesco Totti, Antonio Cassano ed Emiliano Viviano solo per citarne tre qualunque. Proprio il portiere blucerchiato racconta in conferenza la propria emozione nel giocare con la nazionale cantanti per una giusta causa: «Il Gaslini è un’eccellenza di Genova. Era un mio sogno giocare nella nazionale cantanti, dicono che canti pure bene» svela il numero due doriano. «Gradinata Sud sta perdendo il derby con la Nord? Noi i derby li abbiamo vinto quasi tutti sul campo. Se lo stiamo perdendo sugli spalti faccio un appello ai nostri tifosi: venite in massa perché la causa è nobile!».

A chiudere la girandola di interventi l'assessore regionale allo Sport e alla Cultura, Ilaria Cavo: «Occorre buttare il cuore oltre l’ostacolo. Credo che un primo risultato straordinario l’abbiamo raggiunto tutti assieme. Ossia, abbiamo portato in Ospedale un sacco di personaggi importanti che hanno allietato i bambini (da Jack Savoretti ai calciatori, passando per Geronimo Stilton). Un sorriso che è durato un’ora circa, ma l'impegno di cui ci facciamo carico oggi è invece di concedere a questi bambini un sorriso più duraturo».

«La differenza - conclude l'assessore - la facciamo noi. Dobbiamo dimostrare di donare e di esserci! Mettiamo in campo un grandissimo gioco di squadra in vista del 30 maggio e riempiamo lo stadio!».

Il portiere della Sampdoria Emiliano Viviano ha avuto poi modo di parlare ai microfoni della stampa presente: dal suo futuro blucerchiato, a quello dei colleghi Buffon e Perin. Passando per la scommessa "mondiale".

Venerdì 25 maggio 2018 alle 16:45:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Video

25/05/2018 - Viviano scommette su Kownacki: «Sarà lui la nostra sorpresa al Mondiale»



Notizie Genova






VIDEOGALLERY



























Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News