Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 13.30 del 18 Ottobre 2019

«Affinché il pesce sia buono per la salute e il mare deve essere fresco e di stagione»

«Affinché il pesce sia buono per la salute e il mare deve essere fresco e di stagione»

Genova - «È una di quelle certezze consolidate rispetto al rapporto tra alimenti e salute: il pesce ci fa bene, è fonte di grassi polinsaturi, i medici consigliano di inserirlo più volte nella nostra dieta settimanale e le sue proteine nobili vanno bene per donne in gravidanza, bambini e persone anziane. Tutto vero, ma affinché faccia davvero bene alla nostra salute e a quella del mare, ci sono alcuni piccoli accorgimenti da tenere in considerazione: che sia a ciclo vitale breve, perché contiene pochi contaminanti e metalli pesanti; fresco e di stagione, perché ci permette di variare la nostra dieta rispettando i tempi del mare e dei pesci»: sono questi i consigli che ricercatori, nutrizionisti, produttori e chef danno ai visitatori presenti alla nona edizione di Slow Fish, a Genova fino a domenica 12 maggio, dedicato al mare come bene comune da tutelare e promuovere. Eppure i dati diffusi oggi da Ismea proprio in occasione di Slow Fish dicono altro.

Cibo - «Il pesce è tra i prodotti alimentari che maggiormente risentono delle oscillazioni del potere d'acquisto delle famiglie. Secondo le elaborazioni dell'Ismea, dopo la crescita registrata nel 2017, gli acquisti di prodotti ittici in Italia hanno subito un calo di quasi il 2% nel 2018».

Consumi - «Ci sono tuttavia alcune eccezioni che forniscono indicazioni sull'orientamento dei consumi verso alcuni prodotti di utilizzo più pratico o verso alcune specie, generalmente di importazione, come il salmone, divenute in pochi anni protagoniste delle nostre tavole. I dati del 2018 mostrano infatti un incremento dell'acquisto per il pesce surgelato confezionato, in larga parte filetti e bastoncini di merluzzo e platessa, che registra un + 2,6%, mentre tra il fresco sono poche le specie per le quali si rileva un aumento della domanda (salmone, pesce persico, orate, merluzzi, spada e di poco le alici). Tra le conserve, a fronte di un calo per alici e sardine, cresce l'interesse per il salmone. Per effetto di tali cambiamenti, il consumo domestico del fresco rappresenta meno della metà (48%) della domanda complessiva di pesce. La Gdo si conferma il canale preferito dalle famiglie per l'acquisto di pesce (oltre l'80% nel 2018), a discapito dei punti vendita tradizionali».

Venerdì 10 maggio 2019 alle 10:10:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova


































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News