Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 13.30 del 18 Ottobre 2019

«Insufficienti i fondi per ristorare chi subisce il cantiere del ponte»

«Insufficienti i fondi per ristorare chi subisce il cantiere del ponte»

Genova - «La riapertura ieri del tavolo Pris, per individuare i criteri della distribuzione dei 7 milioni nel paniere delle disponibilità del Commissario ai residenti coinvolti nelle demolizione e ricostruzione del Ponte Morandi, ha evidenziato l'insufficienza dello stanziamento. Le risorse sarebbero state congrue per i soli appartamenti dei residenti limitrofi al ponte (circa 300, del Comitato ai Confini della Zona Rossa, che strenuamente hanno lottato per averle), per metterli in condizione di collocarsi provvisoriamente altrove e avere comunque un indennizzo per il venir meno della vivibilità dato che i lavori si svolgono 24 ore su 24»: così le associazioni dei consumatori tramite una nota.

Risorse - «La riunione ha fatto emergere quello che le associazioni dei consumatori avevano già prefigurato e proposto negli emendamenti al Decreto Genova e successivamente nella legge finanziaria - dichiarano Stefano Salvetti, Presidente del Coordinamento Ligure Consumatori Utenti e di Adiconsum, e Rosanna Stifano, Presidente Assoutenti Genova -Servirebbe cioè uno stanziamento di 15 milioni per intervenire su quasi 900 abitazioni, riconoscendo con gradualità il ristoro nella filiera degli inconvenienti che cagiona il cantiere: rumore, polveri, movimentazione mezzi, trasporti rallentati. Non ci si può esimere dal chiedere al governo di colmare con urgenza questa lacuna».


Venerdì 3 maggio 2019 alle 15:20:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova


































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News