Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 19.45 del 22 Febbraio 2019

Dall'Aeroporto, all'Hennebique al traffico merci: il porto di Genova cambia look

investimenti e sviluppo
Dall´Aeroporto, all´Hennebique al traffico merci: il porto di Genova cambia look

Genova - È stato presentato questo pomeriggio in Sala della Trasparenza il programma straordinario per la ripresa e lo sviluppo del Porto di Genova.

Investimenti - «Stiamo parlando di un programma straordinario di investimenti che verranno effettuati nello scalo genovese a garanzia della competitività grazie al lavoro fatto dal viceministro Edoardo Rixi e dal sindaco Marco Bucci» ha dichiarato il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti. Il porto di Genova cambierà faccia, e ricordiamo che nonostante le difficoltà dovute al crollo di Ponte Morandi ha chiuso l’anno passato con perdite minime. Speriamo che il nostro scalo possa lavorare sempre più in sinergia con Genova e che tutto ciò sia coronato con la realizzazione del Terzo Valico».

Lavori - «Il porto di Genova fino ad agosto 2018 ha avuto un trend di crescita. Chiaramente dopo il 14 ci sono state delle battute d’arresto, ma l’anno è stato chiuso praticamente in pari con il 2017» ha proseguito il presidente dell’Autorità Portuale del Mar Ligure Occidentale Paolo Emilio Signorini «Il programma ha un costo di oltre un miliardo di euro ed è finanziato per quasi 450 milioni di Euro (202 dalla manovra, 160 dal bilancio AdSP, 72.3 da soggetti pubblici e 14.2 da capitali privati) e il fabbisogno è pari a 612 milioni di Euro. Sono quattro le aree di intervento: l'ultimo miglio stradale e ferroviario, le infrastrutture portuali (quelle con costo più alto, che comprende ad esempio il riassetto del sistema di accesso al bacino portuale di Pra'). Nei progetti porto-città rientrano anche la ricollocazione dei depositi costieri Carmagnani-Superba». Signorini ha poi parlato dell’aerostazione e dell’accessibilità: «La prima deve ospitare molti più passeggeri, mentre agendo sulla seconda sarà possibile realizzare anche il collegamento Aeroporto-Erzelli». Alla fine del suo intervento, il presidente dell'Autorità portuale si è poi soffermato sugli altri investimenti: «Grazie al nuovo anello di accessibilità allo scalo di Sampierdarena si riuscirà ad effettuare una totale separazione tra il flusso merci e il flusso passeggeri, e la stessa cosa avverrà per il traffico ferroviario. Si parlerà poi del piano dei dragaggi e del progetto della nuova Diga di Genova, dei quali probabilmente riusciremo a ridurre i tempi di realizzazione. Per l'Hennebique - sulla base dei rilievi dell'Università e della scheda tecnica presentata da Comune e Regione - è stata possibile una ricollocazione d'uso: in questo modo potremo aprire le braccia agli investitori».

Programmi - Successivamente ha preso la parola il sottosegretario allo Sviluppo Economico Edoardo Rixi: «Per il Ribaltamento a Mare è necessario un altro accordo di programma: così facendo cambieremo la connotazione dell’area a circa 6000 metri quadri, in modo che possano venire accolte tutte le grandi navi, realizzate con le dimensioni richieste dal mercato. Tutto questo consentirà di migliorare la competitività del porto». «Quello che presentiamo oggi» conclude Rixi «è il più grande intervento sullo scalo genovese e ci aspettiamo un forte impatto del traffico verso il Nord Ovest. Vogliamo un sistema portuale integrato all'interno della realtà genovese: una realtà in grado di rinascere dopo la tragedia del Morandi. Per questo cercheremo di dare un notevole impulso a tutte le possibilità attrattive all'area genovese, il tutto senza penalizzare il territorio cittadino».

«A Genova chiediamo 2-3 anni di lavori» ha poi concluso il sindaco Marco Bucci: «stiamo lavorando per il futuro e per portare in alto la nostra economia».

Venerdì 25 gennaio 2019 alle 17:45:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova


































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News