Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 19.00 del 17 Luglio 2018

Dipendenti lasciate a casa, il Comune ha le mani legate: «Scelte imprenditoriali»

Dipendenti lasciate a casa, il Comune ha le mani legate: «Scelte imprenditoriali»

Genova - Incontro questo pomeriggio tra i sindacati e l’assessore al commercio Paola Bordilli dopo il licenziamento di tre dipendenti del Museo Nazionale dell’Antartide in appalto all’Acquario di Genova.

Futuro - «Le tre dipendenti lasciate a casa dentro una trattativa personale hanno convenuto ad accettare un incentivo all’esodo e sono state retribuite con una quindicina di mensilità - ha spiegato Cunati della Flaica Cub –. Quello che noi contestiamo è il fatto che in futuro altri lavoratori possano essere lasciati a casa e noi non vogliamo».

Opportunità - L’assessore Paola Bordilli, interpellata sulla vicenda ha spiegato che il Comune si è trovato in questa situazione ma da luglio non ha mai smesso di seguire la vicenda: «Non abbiamo mai lasciato soli i lavoratori, il dialogo con i sindacati è proseguito e farò ugualmente con l’azienda. Noi abbiamo sentito la vecchia proprietà che si è resa disponibile a contattare i dipendenti in caso ci fossero aperture su nuovi posti di lavoro e questo non mi sembra poco. L’intermediazione tra le parti penso sia fondamentale a questo punto».

Queste lavoratrici sono state licenziate perché è stato soppresso il reparto dove hanno prestato attività lavorativa e nella vertenza sindacale hanno accettato un accordo con una risoluzione consensuale dell'accordo. «Il Comune può farsi parte dirigente, però è chiaro che il Comune non può direttamente risolvere queste problematiche non essendo dipendenti diretti dell'ente» spiega Federico Bertorello. «Il nostro impegno è di essere presenti a questi tavoli per risolvere i conflitti, ma non possiamo noi frapporci tra le parti imponendo decisioni che riguardano scelte imprenditoriali. Possiamo cercare di adottare una moral suasion, per fare in modo che le imprese non scappino da Genova ma anzi vengano a investire sul nostro territorio» conclude il consigliere.

Martedì 9 gennaio 2018 alle 19:30:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova
































Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News