Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 13.30 del 18 Ottobre 2019

Genova For Yachting, Giovanni Costaguta nuovo presidente

Cresce il comparto della Nautica Professionale

Genova For Yachting, Giovanni Costaguta nuovo presidente

Genova - Si è tenuta oggi, lunedì 1 luglio 2019, l’Assemblea dei soci di Genova For Yachting, il cluster della nautica professionale genovese, che ha eletto Giovanni Costaguta, Direttore Commerciale di Yachtline Arredomare 1618 Spa, nuovo presidente.

Chi è - Giovanni Costaguta, 40 anni, architetto, da quasi 20 opera nel settore dell’allestimento di interni di grandi yacht, prima in Arredamenti Porto e dal 2015 per la società Yachtline Arredomare 1618 Spa, storica realtà italiana conosciuta a livello internazionale. «Sono onorato di prendere le redini di questa Associazione, nata solo pochi anni fa ma in crescita, confermando la forza e capacità competitiva del settore della nautica professionale e la volontà di poter giocare il suo ruolo di motore di sviluppo della città. Formazione dei giovani e nuove e adeguate infrastrutture sono le nostre sfide per il futuro – ha dichiarato Giovanni Costaguta, Presidente di Genova for Yachting – e su questi temi vorrei avviare a nome del comparto un dialogo serrato con le istituzioni portuali e cittadine per cogliere le straordinarie opportunità del momento».

Infrastrutture - «Per quanto riguarda le aree – continua Costaguta – chiediamo ad Autorità di Sistema Portuale, che ringraziamo per averci ospitato oggi, e al Comune un ulteriore sforzo programmatico e operativo affinché al più presto vengano definite, adeguate e migliorate le infrastrutture che da ovest a est sono dedicate alla attività nautica. La concorrenza internazionale non lascia spazio a incertezze e il fattore tempo è determinante. È per questo che Genova for Yachting si dichiara da subito disponibile per un costante e costruttivo confronto nell’interesse del comparto, del porto e della città».

Eccellenze - «Ma non solo. Per guardare al futuro con positività siamo convinti che la formazione delle giovani generazioni sia l’altra chiave del successo di Genova come centro di eccellenza mondiale per il settore della nautica professionale - conclude - Stiamo iniziando a dialogare con Università, Istituti Tecnici e Professionali del territorio, per offrire ai ragazzi l’opportunità di approfondire materie tecniche e gestionali molto richieste nel nostro settore, sia attraverso un contributo per l’adeguamento dei piani didattici che aprendo le porte delle nostre aziende, con stage e esperienze di lavoro.

Obiettivi - «Realizzare nuove infrastrutture dedicate per attività industriali e servizi, migliorare quelle esistenti, aumentare la compatibilità delle attività legate ai grandi yacht con il resto del porto industriale, migliorare l’accessibilità e le vie di comunicazione tra porto e città e l’accoglienza della comunità dello yachting, attivare progetti di formazione delle giovani generazioni che radichino in Genova tutte le professionalità dedicate alla nautica dei superyacht: questi quindi gli obiettivi su cui l’Associazione si sta impegnando mettendo a disposizione le proprie competenze e le concrete opportunità di mercato».

Nautica - L’Assemblea ha ratificato l’ingresso di due nuovi soci: Generalmarine, nel settore delle tecnologie e GM Odone Srl, nei servizi. Salgono quindi a 33 le aziende genovesi che aderiscono a Genova For Yachting attive nei settori di Servizi, Marina, Cantieri e Tecnologie, espressione del saper fare italiano in un mercato internazionale con altissimo livello di competizione, che vede la nostra città ai vertici. Positivo l’andamento a Genova del comparto della nautica professionale che nel 2018 ha registrato oltre 121 milioni euro di fatturato diretto, impiega 342 dipendenti diretti (in crescita del 12% grazie a 40 nuove assunzioni) e si estende su circa 500 mila m2 di superficie occupata in porto: oltre 1000 i fornitori tra Genova e tutta Italia, forte propensione all’export e la capacità di creare – con un rapporto di 1 a 3 - un indotto sul territorio nei settori dei servizi, dell’accoglienza e del turismo, del commercio e anche culturale.

Lunedì 1 luglio 2019 alle 15:50:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova


































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News