Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 18.00 del 16 Novembre 2019

Ghini: "Ribaltamento a mare di Fincantieri e Gronda senza risorse: governo di incompetenti e Regione assente"

a UIL invita istituzioni e politica a lavorare e non a farsi bella: "Situazione drammatica in Liguria".

commento duro
Ghini: `Ribaltamento a mare di Fincantieri e Gronda senza risorse: governo di incompetenti e Regione assente`

Genova - Non ci sono i soldi per il ribaltamento a mare di Fincantieri né per la Gronda? Si tratta di una distrazione, che già sarebbe grave, o ci sono altre ragioni? Questo governo è nato per non fare aumentare l’IVA, ma allo stesso tempo per logiche inconcepibili sta distruggendo un Paese che, invece, ha bisogno di crescere in termini di investimenti, infrastrutture e nuovi insediamenti industriali. Dopo la vicenda Ilva, arriva la notizia che , nella Legge di stabilità, non ci sono le risorse previste per il ribaltamento a mare di Fincantieri e per l’avvio della Gronda: questa è, purtroppo, la dimostrazione plastica del pressappochismo di questo governo.

Oltre a queste notizie, che già da sole sono drammatiche, assistiamo ad una situazione complessiva della Liguria che definire drammatica è poco: i riflessi negativi sull’occupazione sono devastanti. Genova è tra le prime città che usufruisce della cassa integrazione, un chiaro indice di mancata crescita e di arretramento. Per non parlare della ricostruzione del ponte Morandi, ad oggi non abbiamo certezze sulla riconferma del personale assunto a tempo determinato nei vari settori dei servizi, a partire dalla Polizia Locale. La tanto proclamata “Agenzia per il controllo delle Infrastrutture stradali e ferroviarie”, annunciata in pompa magna nel Decreto Genova, è ancora lettera morta, come lo sono gli interventi e gli investimenti in Valpolcevera che non riescono a partire.

Non ci interessa partecipare al gioco dell’attribuzione di responsabilità, non siamo interessati a parteggiare per questo o l’altro schieramento, il sindacato intende solo chiedere al governo una politica di rilancio del territorio seria e immediata. Alla Regione e ai Comuni Liguri chiediamo di iniziare a far sentire forte la voce dei cittadini, senza strumentalizzazioni a vantaggio della propria campagna elettorale in atto da tempo. La Uil chiede sviluppo, lavoro e crescita, che sono temi essenziali per poter produrre benessere e occupazione.

Alle istituzioni ribadiamo: basta minacciare, un giorno sì e l’altro pure, di scendere in piazza! Le invitiamo, invece, a lavorare insieme a noi per il rilancio del territorio e per riportare in Liguria nuova imprenditorialità e nuove attività commerciali e industriali.

Mario Ghini, segretario generale UIL Liguria

Venerdì 8 novembre 2019 alle 12:00:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova


































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News