Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 14.00 del 22 Luglio 2018

Gronda, approvata l'intesa per assicurare lavoro alle aziende del territorio

GARANZIA
Gronda, approvata l´intesa per assicurare lavoro alle aziende del territorio

Genova - «Assicurare lavoro alle aziende edili presenti sul territorio e alla mano d’opera locale, con particolare riferimento ai lavoratori svantaggiati e alle imprese oggetto dell’interferenza della Gronda autostradale»: questo si prefigge l’intesa approvata dalla Giunta regionale, su proposta dell’assessore alle Infrastrutture Giacomo Giampedrone per tutelare l’occupazione del territorio. Già negli anni scorsi Regione Liguria, attraverso l’assessorato alle Infrastrutture, aveva siglato intese per tutelare l’occupazione delle imprese del territorio per la realizzazione del Terzo Valico dei Giovi, del terzo lotto del Bisagno e per l’aggiudicazione dei bandi nella lotta al dissesto idrogeologico. Questa ulteriore intesa che verrà siglata nei prossimi giorni alla presenza dei vertici di Autostrade e delle Organizzazioni sindacali si prefigge, in particolare, di trovare una collocazione ai lavoratori ex dipendenti della Falegnameria Voltrese, in corso di liquidazione, nei cantieri delle opere della Gronda di Genova.

Grandi opere - L’intesa approvata in Giunta arriva dopo l’attuazione di quanto previsto dalla Legge del PRIS, i programmi regionali di intervento strategico per garantire l’adozione di misure per la sostenibilità delle grandi opere e risolvere le problematiche delle popolazioni e dei territori coinvolti dalla realizzazione dell’infrastruttura. A seguito dell’attività del comitato regionale del PRIS sono stati predisposti gli elenchi, sia delle unità abitative, sia delle attività economico-produttive interferite dall’opera autostradale per ricollocare i soggetti sottoposti a esproprio. Ammontano a 99 le abitazioni coinvolte dal passaggio della Gronda e a 35 le attività economiche.

Indennizzo - Per quanto riguarda i residenti, grazie al PRIS, sono già stati sottoscritti gli accordi che prevedono un indennizzo pari 45.000 euro, in aggiunta al valore dell’immobile; sul fronte delle le attività economiche è in corso la sottoscrizione degli accordi e ad ogni azienda verrà riconosciuto un indennizzo calcolato sull’entità e sulla tipologia della lavorazione che svolgono, a patto di mantenere la continuità produttiva e occupazionale sul territorio regionale. Costituisce un’eccezione la falegnameria Voltrese che non può più garantire la continuità produttiva a causa della crisi economica da cui è stata colpita, prima della Gronda, nei confronti della quale Regione Liguria ha predisposto l’accordo in questione per la ricollocazione dei lavoratori nei cantieri della Gronda.

Territorio - «Si tratta della quarta intesa che sottoscriviamo come Regione per favorire la realizzazione delle grandi opere – ha spiegato l’assessore regionale alle Infrastrutture Giacomo Giampedrone - in modo che siano occasioni di sviluppo per il territorio. Con questa intesa vogliamo dare una risposta anche alla crisi congiunturale che provoca in Liguria chiusure e licenziamenti e che ha generato non poche problematiche ai soggetti che svolgono attività economiche sul territorio per l’impossibilità di garantire la continuità occupazionale e produttiva. Contestualmente, stiamo valutando l’inserimento di questa norma sulla ricollocazione dei lavoratori delle aziende interferite, all’interno del PRIS, il programma regionale sulle Infrastrutture strategiche».

Soddisfazione - «Con l’atto odierno si conferma l’impegno di tutte le parti non solo a generare nuova occupazione sul territorio, ma a non disperdere il lavoro e le professionalità presenti, come nel caso della Falegnameria Voltrese – ha dichiarato Fabio Marante segretario regionale FILLEA CGIL – Si tratta di un importante atto che, unitariamente, come organizzazioni sindacali di categoria, monitoreremo, auspicando che già dai prossimi giorni i lavoratori possano essere ricollocati”.


Sabato 30 giugno 2018 alle 10:10:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova
































Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News