Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 20.00 del 18 Luglio 2018

Piaggio, Fiom Cgil: «Il piano non ha nessuna condivisione con il sindacato»

Piaggio, Fiom Cgil: «Il piano non ha nessuna condivisione con il sindacato»

Genova - «La proprietà di Piaggio dopo 4 anni si accorge che il vecchio Piano Industriale non aveva le condizioni per essere minimamente credibile esattamente ciò che sosteniamo da tempo. L'azienda, che dopo aver stracciato l'accordo di Programma e l'accordo istituzionale Sindacato-Governo-Azienda-Enti Locali, vuole cancellare anche le relazioni sindacali, si dimentica dell'intesa sofferta che chiudeva la fabbrica di Genova e quella di Finale Ligure a condizioni precise e che definiva un percorso senza nessun esubero»: lo ha dichiarato la Segreteria Fiom Genova.

Azienda - «Nessun sindacato ha mai avallato il "nuovo" Piano primo perché non si avalla una cosa che non si conosce se non a grandi linee. Secondo, vorrei ricordare all'Azienda che solo pochi giorni fa si è scioperato unitariamente contro le linee generali di quel Piano, chiedendo un intervento al Governo che ha convocato le parti per il 9 gennaio - ha aggiunto -Scarsa l'attenzione dell'Azienda nel provare a costruire un reale confronto e quantomeno inopportuna l'uscita dell'A.D in questi giorni, soprattutto dare l'idea che il Piano sia stato costruito congiuntamente anche con il Sindacato: non è vero, noi siamo contrari a quel Piano di cessioni e di tagli. Se l'Azienda voleva inviare messaggi a qualcuno a noi sono arrivati chiari, l'azienda incurante del Governo e degli appuntamenti già fissati non accetta posizioni diverse o mediazioni ed esattamente come 4 anni fa nulla è cambiato nel modo di procedere dei Dirigenti».

Lavoro - «Ma esattamente come 4 anni fa non possiamo permettere di perdere occupazione e tecnologia per l'approssimazione di qualcuno o per i troppi silenzi di qualcun altro. Il pagamento del debito e la ricapitalizzazione erano atti obbligati (bene che siano avvenuti), ma queste azioni finanziarie si ripresenteranno se non si costruisce un reale Piano di tenuta e di rilancio in prospettiva e lo si deve fare con tutti gli attuali lavoratori nessuno escluso ha concluso.

Venerdì 22 dicembre 2017 alle 13:50:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova
































Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News