Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 21.00 del 19 Ottobre 2018

Venerdì Genova si ferma, il corteo che bloccherà la città

Venerdì Genova si ferma, il corteo che bloccherà la città

Genova - Venerdì 11 maggio sciopero di 24 ore dei lavoratori portuali e marittimi in tutti i porti d’Italia: la motivazione è legata alla crescente diffusione dell’autoproduzione. I sindacati, Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti, hanno indetto una manifestazione che arriverà davanti alla Prefettura.

Sicurezza - «Negli ultimi tempi il verificarsi di casi di autoproduzione nei porti italiani è sempre più frequente: “Solo a Genova, ci sono stati 7 interventi della Capitaneria negli ultimi 15 giorni, ma le sanzioni sono troppo basse per scoraggiare le compagnie – hanno dichiarato - La pratica dell’autoproduzione è prevista per legge solo nel caso in cui in uno scalo non siano presenti lavoratori portuali in grado di svolgerla e sempre previa autorizzazione di Autorità di Sistema Portuale a Capitaneria di Porto, ma ormai si verificano almeno 3 o 4 casi al giorno senza nessuna preventiva richiesta alle autorità competenti. I rischi riguardano la sicurezza, i marittimi non sono formati per questo tipo di intervento, che viene svolto spesso durante i turni di riposo e senza remunerazione, e l’equilibrio sociale.

Risposte - «Con l’autoproduzione si sottrae lavoro ai portuali i cui livelli occupazionali sono già minacciati dalla crescente automazione dei terminal. Da mesi – hanno concluso i sindacati – chiediamo un incontro alle associazioni di terminalisti e armatori, con l’AdSP come garante, ma non abbiamo ricevuto risposta».

Mercoledì 9 maggio 2018 alle 09:20:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova

































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News