Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 00.15 del 23 Settembre 2018

«Nulla di fatto nella vertenza Coopservice»

Così Gianni Pastorino di Rete a Sinistra/LiberaMente Liguria

«Nulla di fatto nella vertenza Coopservice»

Genova - «Si è risolto con un nulla di fatto l'incontro odierno avvenuto tra le organizzazioni sindacali di categoria e Coopservice, l'azienda che ha in appalto il settore che si occupa delle pulizie all'interno dell'ospedale pediatrico Gaslini di Genova»: lo ha affermato il Consigliere Regionale Gianni Pastorino di Rete a Sinistra/LiberaMente Liguria.

«E' stata confermata la riduzione del personale per una somma superiore ai 400 mila euro che si realizzerà in drastici tagli orari del personale addetto con conseguente e inevitabile pregiudizio economico e sociale di una categoria decisamente fragile. Nonostante le tranquillizzanti parole di circostanza espresse dall'Assessore alla Sanità Viale e dal Presidente Toti, questa operazione si tradurrà in un peggioramento dei servizi in una struttura ospedaliera che dovrebbe rappresentare un'eccellenza della nostra Regione - ha aggiunto - Gli stipendi degli addetti alle pulizie, già minimi, saranno sempre più risibili ponendo in condizioni di enorme difficoltà economica i lavoratori e le lavoratrici di questo fondamentale comparto - ha proseguito - Inoltre, fra le richieste avanzate dall'ospedale Gaslini a Coopservice, per giustificare la riduzione di budget, c'è la diminuzione dei servizi di pulizia e igienizzazione dei bagni. In un ospedale pediatrico il rapporto e la qualità dei servizi fruiti dai genitori e dalla piccola utenza dovrebbe essere di altissimo e ineccepibile livello igienico-sanitario. La strada intrapresa dall'ospedale Gaslini di scaricare i costi della sua riorganizzazione interna sui dipendenti del comparto pulizia è incomprensibile e inaccettabile. Dispiace constatare, anche in questo caso, l'inadeguatezza della Giunta Regionale che, di fronte ad uno scempio occupazionale di tali proporzioni, decide di restare inerte limitandosi a osservare i fatti senza agire e porre degli argini di contenimento».

Lunedì 9 aprile 2018 alle 19:00:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova

































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News