Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 14.15 del 16 Ottobre 2018

Anci: "Salvi 18 milioni per Genova»

Il direttore generale dell'associazione dei Comuni traccia il quadro dei tagli dei finanziamenti per le periferie che verrebbero messi in atto attraverso il decreto Milleproroghe.

IL CASO
Anci: `Salvi 18 milioni per Genova»

Genova - Non sembrano più in discussione i 18 milioni di euro di fondi destinati al Comune di Genova dal Bando Periferie, relativi a interventi di riqualificazione urbana e messa in sicurezza delle periferie nel quartiere di Sampierdarena e in Valpolcevera.

Fondi - «Da una lettura interpretativa finale dell’emendamento 13.2 testo 2 del Decreto Milleproroghe – afferma il direttore generale ANCI Liguria Pierluigi Vinai – appaiono salvaguardati i primi 24 progetti della graduatoria pubblicata in Gazzetta Ufficiale (art 3 DPCM 25 maggio 2016), e di questo non possiamo che rallegrarci. Viceversa – continua Vinai – lo stesso emendamento delinea con chiarezza il destino degli atri 93 milioni di euro, poiché si trasferiscono di fatto le risorse a un Fondo di nuova costituzione (comma 01 quater)».

Regione - «Pertanto, se non interverrà una modifica della norma nel corso dell’iter di approvazione del Milleproroghe (la scadenza ultima è fissata il 23 settembre), saranno sostanzialmente rinviate opere nella Città Metropolitana di Genova per un valore complessivo di circa 40 milioni di euro, nel Comune di Imperia per un valore di 18 milioni di euro (riqualificazione urbana della “Green Line”), nel Comune di Savona per un valore di 18 milioni di euro (riqualificazione di Villa Zanelli) e nel Comune di La Spezia per un valore di 17 milioni di euro (riqualificazione e risanamento dei quartieri fronte Porto Canaletto, Fossamastra, Pagliari – ex area Tarros)».

Lavori - Di seguito alcuni degli interventi previsti nei Comuni della Città Metropolitana di Genova (il resto è nella tabella allegata): adeguamento normativo dell’immobile ex- Scuola Media Statale “Rinaldo Traverso” e riqualificazione dell’edificio scolastico sede della Scuola primaria sita in via Martiri di Voltaggio a Busalla; manutenzione straordinaria e riqualificazione energetica del palazzetto dello sport a Campoligure; riqualificazione del Polo Scolastico Comunale “Antonio e Caterina Dellepiane” a Campomorone; lavori per la mitigazione del rischio del rio Razeto a Ceranesi; manutenzione straordinaria e miglioramento accessibilità dell’edificio scolastico del capoluogo a Isola del Cantone; adeguamento sismico della Scuola Media loc. Ronco a Masone; completamento riqualificazione del centro storico con la pavimentazione ultimo tratto di viabilità interna a Mele; riqualificazione ed incremento della sicurezza dell'area urbana adiacente il palazzo comunale a Mignanego; recupero e adeguamento funzionale a fini sociali e culturali per l’accessibilità e la valorizzazione di Palazzo Spinola e sistemazione idraulica del torrente Scrivia in località campi sportivi a Ronco Scrivia; riqualificazione del tessuto urbano del Borgo Inferiore a Rossiglione; riqualificazione della viabilità della periferia urbana mediante la mitigazione del rischio e sicurezza degli assi viari a Sant’Olcese; riqualificazione del sistema dei servizi scolastici e degli spazi sportivi ed aggregativi della frazione di Isorelle a Savignone; riqualificazione della piazza Martiri per la libertà a Tiglieto; riqualificazione naturalistica dell’intero compendio e completamento funzionale dell’area verde attrezzata con destinazione sportiva, in località Fabio a Vobbia.

Bando - «Si comprende come il governo possa essere intervenuto in presenza di una sentenza della Corte Costituzionale che parzialmente poteva inibire l’utilizzo dei fondi a bando – prosegue il direttore Vinai – Lodevole è anche il percorso teso a una significativa liberazione di spazi finanziari da utilizzare subito per impegnare gli avanzi di amministrazione dei nostri Comuni. Quello che ci preoccupa, tuttavia, è la condizione degli impegni assunti e delle spese già sostenute dagli Enti; su questo punto confidiamo in un intervento di sostegno da parte del governo attraverso i Parlamentari liguri. Per quanto riguarda gli altri Comuni, capoluogo e metropolitani, auspichiamo ragionevoli forme di tutela rispetto ai progetti presentati e accolti nelle graduatorie del Bando», conclude Vinai.

Giovedì 9 agosto 2018 alle 14:00:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova

































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News