Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 12.10 del 22 Novembre 2018

Decreto Genova, Pd: «C'è preoccupazione da parte del mondo economico»

Decreto Genova, Pd: «C´è preoccupazione da parte del mondo economico»

Genova - «Questa mattina – mentre la discussione in Parlamento sul Decreto Genova si fermava perché la Commissione Bilancio non ha ancora valutato le modifiche apportate al testo in questi giorni, paventando il rischio che le già insufficienti risorse destinate dal governo alla nostra città vengano ulteriormente tagliate - la Commissione Sviluppo della Regione ha audito il mondo economico genovese. Nel corso dell’audizione è emersa una forte preoccupazione su quattro punti in particolare: per come è scritto il decreto – e soprattutto l’articolo 1 – non vi è alcuna garanzia sui tempi della ricostruzione del ponte, che è la condizione essenziale per risolvere l’emergenza Genova. Senza ponte la città non riparte; non esiste alcuna misura generale per lo sviluppo della città. Non c’è la Zes e la Zona franca è praticamente scomparsa. I soldi per il porto, al momento, sono assolutamente inadeguati; la dotazione per la cassa in deroga non è minimamente sufficiente a soddisfare il fabbisogno previsto. Con quelle risorse, a stento, si arriva ad aprile 2019, per una platea che, tra l’altro, è appena la metà di coloro che ne avrebbero bisogno; gli incentivi si concentrano solo sulla zona rossa. La zona arancione, per il governo, sostanzialmente non esiste»: lo ha spiegato il Gruppo Pd in Regione Liguria.

«A fronte di tutto ciò le categorie economiche hanno proposto di aprire un tavolo con le istituzioni, dopo la conversione in legge del Decreto in modo da preparare una discussione sulla Legge di Bilancio e trovare lì le risorse che oggi mancano clamorosamente al Decreto Genova - aggiunge il Pd - Condividiamo questa proposta e crediamo che Regione e Comune abbiano sbagliato a non convocare questo tavolo unitario prima che venissero preparate le modifiche al Decreto, come avevamo espressamente chiesto attraverso un odg approvato dal Consiglio regionale. Il Pd si prepara a una dura battaglia in Parlamento, in Regione e in Comune perché le legittime richieste della comunità genovese – ancora una volta calpestate dal Decreto Genova persino nella sua ultima versione – possano essere finalmente accolte e ricevere risorse adeguate».

Giovedì 25 ottobre 2018 alle 15:15:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova

































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News