Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 12.20 del 18 Luglio 2018

Dopo i mendicati qualcuno vuole schedare i politici, Garassino risponde alla provocazione | Video

Dopo i mendicati qualcuno vuole schedare i politici, Garassino risponde alla provocazione <span class=´linkFotoA1Articolo´> | <a href=´/videogallery/dopo-i-mendicati-c-e-chi-vuole-schedare-i-politici-garassino-risponde-alla-provocazione-1689.aspx´ class=´FotoVideoA1´>Video</a></span>

Genova - La notizia sta ormai girando da giorni, ma le voci che si alternano dai vari schieramenti politici sembrano essere in contrasto e, sopratutto, differenti. Stando a quanto è stato riportato infatti, sarebbero 118 i migranti che il Comune di Genova avrebbe di fatto schedato, consegnando il dossier in Prefettura.

A lanciare la provocazione è stato il consigliere municipale di 'A Sinistra' e dell'associazione 'Genova che Osa' del Municipio centro-est, Andrea Massera, il quale ha proposto di "schedare" i politici. In che senso? «Abbiamo iniziato una petizione contro l'assessore alla Sicurezza Garassino che ha proposto di schedare e multare i mendicanti, cosa che è accaduta con 118 migranti - spiega Massera - Con questa petizione vogliamo utilizzare gli stessi termini provocatori della Lega ovvero schedare, e abbiamo così deciso di farlo con i politici».

«L'idea è semplice - spiega il consigliere municipale - l'obiettivo è indagare, ad esempio su quali siano i finanziamenti ottenuti dai politici nella campagna elettorale. Dopo, se si vogliono fare ragionamenti sulle cooperative che gestiscono il fenomeno migratorio a Genova ben vengano, come sono ben accetti incentivi alle realtà che praticano integrazione. I 118 migranti schedati sono il 6% del totale che Genova ospita, e il restante 94%? Secondo noi - conclude - sono temi salienti che vanno affrontati con chiarezza, evitando populismi e demagogie» .

Non si fa attendere la risposta dell'assessore Garassino che a margine del consiglio comunale di ieri, ha deciso di rispondere alla provocazione: «Non si tratta di una schedatura, ma parliamo di un informativa per chi è nel territorio. Vogliamo sapere perché certa gente invece che imparare l'italiano decida di mendicare sul territorio. Dopo i fatti di Bordighera - sottolinea - dove si pensa che ci sia un racket che controlli questi poveracci, mi interesserebbe capire cosa sta accadendo».

«Poi se qualcuno non è interessato alla legalità è un problema suo, noi siamo interessati, e le decine di mail che stanno arrivando dai cittadini che ci dicono che facciamo bene dimostrano che questi danno ragione a noi, quindi -conclude - che raccolgano le loro firmette, noi continueremo ad andare avanti per questa strada».

Mercoledì 10 gennaio 2018 alle 09:00:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Video

09/01/2018 - Dopo i mendicati c'è chi vuole schedare i politici, Garassino risponde alla provocazione



Notizie Genova
































Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News