Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 13.02 del 19 Agosto 2018

Elezioni politiche, urne aperte a Genova

Elezioni politiche, urne aperte a Genova

Genova - Urne aperte a Genova per eleggere il Parlamento italiano e per gli elettori genovesi, residenti nel Municipio II Centro Ovest, anche il rinnovo del Consiglio municipale. Si vota nella sola giornata di domenica e i seggi resteranno aperti fino alle 23. Subito dopo la chiusura, inizieranno le operazioni di scrutinio. Ogni elettore che ha compiuto i 25 anni riceverà due schede, una rosa per la Camera e una gialla per il Senato, mentre agli elettori di età compresa tra i 18 e i 25 anni non ancora compiuti potranno votare solo per la Camera.

Come si vota - Ogni scheda è divisa in riquadri: nel rettangolo superiore di ogni area, è indicato il nome del candidato nel collegio uninominale, poi sotto ci sono tanti riquadri quanti sono i partiti che sostengono quel candidato. A fianco di ciascun simbolo è riportata una mini-lista con il listino dei candidati che corrono per i seggi assegnati con il metodo proporzionale: questi sono “bloccati“, ovvero votando la lista si voteranno automaticamente tutti i candidati indicati accanto, che in caso di elezione di seggi per i rispettivi partiti saranno eletti seguendo l'ordine in cui compaiono. Non si può esprimere una preferenza sui candidati del listino: la scheda viene annullata. L’elettore darà il suo voto con l’unica scheda sia per la parte uninominale (candidato unico della coalizione, indicato con nome e cognome sopra i simboli che lo sostengono) che per la proporzionale, dove i partiti corrono per sé e sulla quale si applicano le soglie di sbarramento (3% singolo partito, 10% coalizioni).

Voto solo alla lista – Facendo una X solo sul simbolo di una lista il voto va al partito e, automaticamente, anche al candidato uninominale che questo appoggia e ai candidati del listino riportato accanto. Non si possono indicare preferenze sui candidati dei listini riportati accanto al simbolo dei vari partiti, quindi ogni segno sui nomi in elenco comporterà l’annullamento della scheda.

Voto solo al candidato uninominale – Facendo una X solo sul rettangolo con nome e cognome di un candidato uninominale. In questo caso, il voto viene esteso anche alla lista: in caso di coalizioni, il voto viene ripartito in proporzione tra le liste che lo appoggiano.

Voto sia al candidato uninominale che alla lista – È possibile mettere due X, barrando sia il nome del candidato uninominale sia il simbolo di uno dei partiti della coalizione che lo sostiene. In questo caso, il voto viene ripartito tra di esse in proporzione dei voti ottenuti da ciascuna lista in quel collegio.

Blocco unico - Non è ammesso il voto disgiunto: candidato e lista devono appartenere obbligatoriamente allo stesso blocco, altrimenti la scheda è nulla.

Scheda dentro l'urna - E, a proposito di elezioni, da quest'anno cambia qualcosa: infatti non saremo più noi stessi a dover introdurre la scheda nell'urna, ma lo farà per noi il presidente di seggio, dopo avere applicato una sorta di "bollino" adesivo denominato "tagliando antifrode". Entrato nel seggio, l’elettore riceverà una scheda con un codice identificativo riportato su una parte rimovibile. Il presidente del seggio annoterà sul registro questo codice accanto a quello dell’elettore. Terminata l'operazione di voto in cabina, l’elettore riporterà la scheda chiusa al presidente del seggio, il quale controllerà che il codice della scheda corrisponda a quello annotato sul registro, che rimarrà comunque visibile anche sulla scheda chiusa. Il presidente di seggio rimuoverà il tagliando con il codice, in modo da eliminare la possibilità di risalire all’identità di chi ha espresso il voto, e inserirà la scheda nell’urna.
Questa procedura è stata adottata con la nuova legge elettorale (nota come "Rosatellum") per prevenire il voto di scambio. Il tagliando, infatti, consente di verificare che la scheda consegnata dall’elettore sia proprio quella consegnata dal presidente del seggio e non un’altra introdotta dall’esterno e già compilata.

Domenica 4 marzo 2018 alle 07:00:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova






VIDEOGALLERY



























Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News