Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 20.00 del 18 Agosto 2018

Liberi e Uguali, presentati i candidati per Camera e Senato

Liberi e Uguali, presentati i candidati per Camera e Senato

Genova - L'impegno nel sociale, la militanza nella sinistra, la competenza e il legame con il territorio, sono le caratteristiche dei candidati che Liberi e Uguali candida in Liguria con l'obiettivo di costruire «un nuovo punto di riferimento per i tanti cittadini che non ha non hanno più voce perché esasperati dalle politiche di questo governo» ha detto Claudio Montaldo mentre presentava i candidati in lista di Liberi Uguali per la Liguria.

Territorio - «Dare voce ai tanti giovani che non si sentono più rappresentati - ha continuato Montaldo - alle tante persone che non riescono più a curarsi a causa dei superticket, a chi ha fatto con noi la battaglia in difesa della nostra Costituzione. E' necessario ricostruire un rapporto di fiducia con le persone per ricostruire una sinistra che possa fare da argine a questa destra sempre più aggressiva».

Candidati - Roberto Amen, candidato al Senato è intervenuto raccontando le motivazione della sua scelta di impegnarsi politicamente: «Sono qui perché penso che ci voglia un posto dove progettare la modernità, un posto dove poter affrontare temi come quelli del fisco, che non può esaurirsi nella flat tax proposta dalla destra» e ha ricordato «come nel 1973 quando è nata l'Irpef gli scaglioni andavano dal 12 al 72%». Carla Nattero, candidata al proporzionale collegio ponente, ha evidenziato come il progetto politico di Liberi uguale voglia ridare fiducia alla politica dal punto di vista popolare, e lo faccia partendo dal lavoro: «Ieri è morta un'altra lavoratrice, e non è un caso, noi rimettiamo al centro i diritti del lavoro. E poi l'integrazione e l'accoglienza: la politica sicuritaria, e l'ho visto a Ventimiglia non è umana e al contempo non porta sicurezza. E ancora la scuola: vogliamo abolire la "buona scuola", certo, ma anche tutta una serie di pessime riforme che si sono susseguite negli anni che hanno portato la scuola ad essere di classe, selezionatrice e dequalificata». Sergio Cofferati, candidato nell'uninominale collegio 3 Genova Serra Riccò alla Camera, «ha invece sottolineato come in Italia esista un popolo di sinistra particolarmente arrabbiato che ha bisogno di riferimenti certi e questo è l'obiettivo Liberi e Uguali». «La crisi economica in questi anni non è stata affrontata con un metodo di sinistra ed ha offerto solo più flessibilità. Bisogna cambiare radicalmente rotta, la crescita come il cuore e la qualità del lavoro come obiettivo. Viene spacciato per posto di lavoro un occupato ignorando che sono due cose diverse. Il posto di lavoro può essere di più occupati se le persone lavorano solo due ore al giorno. Questa si chiama manipolazione dei dati e precarietà. Si possono portare delle idee e delle proposte non cancellando i valori storici della sinistra e i diritti delle persone come accaduto purtroppo in questi anni». Luca Pastorino, candidato alla Camera nel proporzionale nel collegio Liguria 2 e all'uninominale nel collegio 5 Genova Rapallo, ha dichiarato: «Sono molto soddisfatto di essere candidato nel collegio dove abito, il principio della territorialità per noi è fondamentale. Tornare nel posto in cui vivi e rendere conto di se stessi e della propria storia è motivo di soddisfazione. Questo è un valore aggiunto che solo i nostri candidati possono esprimere. Noi possiamo parlare di noi stessi, della nostra vita professionale e del nostro percorso, lo possiamo fare guardando in faccia la gente. Sento tante proposte mirabolanti come la flat tax del centrodestra. Bene, la flat tax bisogna spiegarla, se Flavio Briatore pagherà un'aliquota piatta al 15%, pagherà la stessa cifra anche Antonio dipendente delle Poste, ma con un altro tipo di reddito. Noi siamo le nostre storie, Il Pd non rappresenta certo un partito di sinistra perché dentro ci sono Beatrice Lorenzin e Pier Ferdinando Casini. Insomma, tutta un'altra storia». Stefano Quaranta, candidato al proporzionale al Senato collegio Liguria, ha invece sottolineato «come la nascita di un nuovo soggetto politico è giustificato solo se ha delle cose nuove da dire. Ha poi ricordato «come questo governo ha fatta politica sono con i bonus che non hanno contribuito né alla crescita né a nuovi posti di lavoro». «I problemi da risolvere in Liguria sono tanti penso alla cementificazione delle coste e alle frane nell'entroterra».

"Quello che abbiamo in mente è un progetto grande, per questo quando mi chiedono perché non ci sono state polemiche qui in Liguria, rispondo che il destino del singolo è nulla è necessario mettersi a disposizione della collettività".

Martedì 30 gennaio 2018 alle 21:45:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova






VIDEOGALLERY



























Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News