Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 09.30 del 18 Ottobre 2018

Maestripieri: «No a ritardi, subito ponte e infrastrutture»

Maestripieri: «No a ritardi, subito ponte e infrastrutture»

Genova - «La situazione a Genova si sta facendo ogni giorno più grave. Oltre alla tragedia del Ponte Morandi c’è una città paralizzata, una regione spezzata in due, che perde posti di lavoro e traffici marittimi. È una lotta contro il tempo e ormai non si può più aspettare nemmeno un minuto. Serve subito il decreto, serve subito il commissario straordinario e serve che questi discuta immediatamente con il sindacato di tutti i risvolti della ricostruzione, a partire dall’occupazione»: lo dice in una nota Luca Maestripieri, Segretario Generale Cisl Liguria.

«Occorre, rispetto all’ultima bozza del decreto, allungare i tempi della zona franca, oggi limitati all 31 dicembre 2019 - prosegue Maestripieri - Per quanto riguarda l’Iva portuale è stato introdotto un tetto che nella versione “salvo intese” non c’era. Il governo non deve tirare indietro la mano adesso. Il porto di Genova non ha mai usufruito delle facilitazioni di cui hanno beneficiato altri scali. Ecco, questo è il momento. Bisogna partire e procedere con tutti i cantieri previsti per favorire la crescita come Gronda e Terzo Valico. E serve anche il ribaltamento a mare di Fincantieri per la cantieristica. Genova, la Liguria e il Paese non possono più aspettare».

«Il decreto deve tenere conto di queste opere - conclude - Non possiamo più, per alcun motivo, perdere tempo né per la ricostruzione del ponte né per le grandi opere o Genova morirà e chi avrà remato contro dovrà prendersene la responsabilità».

Domenica 23 settembre 2018 alle 17:25:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova

































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News