Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 19.55 del 14 Dicembre 2018

Nodo ferroviario, Pd: «Approvato l'ordine del giorno per garantire la ripartenza dei lavori»

Nodo ferroviario, Pd: «Approvato l´ordine del giorno per garantire la ripartenza dei lavori»

Genova - «L'ordine del giorno fuori sacco, presentato oggi dalla capogruppo del Pd in Comune Cristina Lodi, va nel solco di quanto approvato ieri all'unanimità in Regione per risolvere in tempi rapidi l'ennesimo blocco ai lavori del nodo ferroviario genovese. Un'opera indispensabile e strategica quest'ultima, ancora di più dopo il tragico crollo del ponte Morandi. Il nodo ferroviario è una delle reti di collegamento che può davvero fare la differenza nel portare Genova fuori da un isolamento sempre più profondo e pericoloso. Ecco perché occorre fare presto ed evitare in tutti i modi una nuova gara e due anni di ulteriore blocco dei lavori. E questa sinergia tra i due enti dimostra la volontà di collaborare nell'interesse della città e dei lavoratori»: lo hanno dichiarato i consiglieri del Gruppo Pd in Comune a Genova.

«In Sala rossa il documento è stato approvato con l'ampia maggioranza dei consiglieri che hanno impegnato la giunta e il sindaco ad attivarsi con la Regione sui temi della cassa integrazione e delle tutele ai lavoratori utilizzando i fondi a disposizione della Regione e portando avanti in tempi rapidi l'istruttoria con l'INPS. Nello specifico il documento impegna sindaco e giunta ad attivarsi affinché la Regione Liguria: sostenga tutti i processi tra azienda e stazione appaltante affinché riprendano al più presto i lavori del Nodo Ferroviario; si attivi presso INPS affinché l'erogazione della Cassa integrazione avvenga nel minor tempo possibile; anticipi la Cassa Integrazione per i prossimi mesi in attesa che scatti la Cassa Nazionale per dare un reddito ai lavoratori già in difficoltà; chieda alla Stazione Appaltante che surroghi Astaldi nell'attivare gli oneri della Cassa Edile e si velocizzino il più possibile i tempi del concordato; intervenga su INPS perché proceda nel più breve tempo possibile al pagamento dell'indennità di Cassa integrazione ordinaria per i 7 lavoratori dell'Azienda fornitrice di servizi per conto di Astaldi».

Martedì 27 novembre 2018 alle 16:00:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova

































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News