Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 12.00 del 21 Agosto 2018

Proiezioni elettorali: Genova in bilico, leggero vantaggio per i grillini

La fotografia politica fornita dalla piattaforma "Duetredue"

AL VOTO
Proiezioni elettorali: Genova in bilico, leggero vantaggio per i grillini

Genova - L'incertezza su quello che sarà il quadro politico dopo le elezioni del 4 marzo regna sovrana. Il dato è chiaro a livello nazionale, con le difficoltà per qualunque schieramento di raggiungere la maggioranza e formare un governo. E l'indeterminatezza è ancor più marcata se si restringe il campo entro i confini liguri.

La miglior fotografia di una situazione politica senza padroni nel territorio della Liguria è quella fornita dalla piattaforma Duetredue, lanciata in rete nei giorni scorsi da un gruppo di giovani spezzini e genovesi: Stefano Gaggero, Lorenzo Azzolini, Andrea Massera e Marianna Pederzolli. La mappa interattiva dello Stivale, suddiviso nei 232 collegi uninominali della Camera, si colora del blu del centrodestra nel nord e nel sud Italia, con qualche macchia gialla del Movimento cinque stelle nelle isole e nei pressi della Capitale e una grossa fetta di arancione della coalizione guidata dal Pd tra Romagna e Toscana, con una dependance in Alto Adige. Tutto il resto, Liguria compresa, è grigio. A indicare che non c'è una prevalenza netta di nessuno schieramento.

Il team di Duetredue ha infatti deciso di rendere graficamente evidenti le aree di predominio con i colori degli schieramenti più accesi quando c'è un vantaggio tra il primo e il secondo superiore al 15 per cento (collegio sicuro), di un colore più tenue quando la percentuale è compresa tra il 15 e il 5 (collegio probabile) e di un neutrale grigio se il vantaggio è ridotto al di sotto del 5 per cento (collegio i bilico).

Nei sei collegi liguri, corrispondenti alle province di Imperia, Savona e La Spezia, al Tigullio e ai due metropolitani di Genova, al momento non c'è la prevalenza di nessuno dei tre schieramenti principali, con "Liberi e uguali" che conferma come nel resto d'Italia di non avere alcuna chance di elezione nel contesto maggioritario.

Tra centrodestra, centrosinistra e M5S ci potrebbe essere una spartizione equa di 2 deputati per ciascuno con il centrodestra storicamente più forte nell'Imperiese e nel Tigullio, il centrosinistra nello Spezzino e nel Savonese e i grillini profeti nella patria del Movimento.

La situazione nel collegio genovese - Nei collegi genovesi emerge un leggero vantaggio del Movimento 5 Stelle, trainato dalle due aree di consenso che il movimento ha in Valbisagno e Valpolcevera. Si tratta però di un distacco non particolarmente marcato e i giochi sono aperti.

Di solito il voto ai 5 stelle è influenzato fortemente dalle dinamiche nazionali più che dal peso dei candidati e della struttura locale. Il PD invece può fare affidamento su un radicamento territoriale che, pur essendosi ridotto, resta un elemento di forza. Più indietro, anche se di poco, il centrodestra che però gode di un momento di grande favore a Genova e in Liguria.

La campagna elettorale deve ancora entrare nel vivo e tutto è possibile. Nei prossimi giorni saranno presentate le liste e si vedrà se i candidati riusciranno a influenzare l'elettorato.

Visiona qui la mappa completa.

Giovedì 25 gennaio 2018 alle 15:59:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova
































Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News