Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 20.50 del 21 Settembre 2018

Sì dalla giunta al disegno di legge sugli indennizzi per gli sfollati

Giampedrone: «Sarà Autostrade a finanziare tecnicamente il Pris»

CROLLO E RICOSTRUZIONE PONTE
Sì dalla giunta al disegno di legge sugli indennizzi per gli sfollati

Genova - E’ stata approvato oggi dalla Giunta regionale il disegno di legge la legge sugli indennizzi per tutte le persone che hanno perso la casa, perché non potranno rientrare nella propria abitazione, a seguito del crollo di ponte Morandi. L’obiettivo è quello di gestire nel modo più efficace possibile e più veloce le eventuali demolizioni degli immobili in zona rossa e risolvere i problemi delle persone che a causa del crollo del ponte dall'oggi al domani hanno perso tutto.

Indennizzo - «Sarà Autostrade per l’Italia a finanziare il Programma Regionale sulle Infrastrutture Strategiche in quanto titolare della concessione e indipendentemente da chi costruirà il nuovo ponte - ha dichiarato a Primocanale l’assessore regionale alla Protezione Civile Giacomo Giampedrone - Anche se al momento non si conosce ancora il numero esatto delle abitazioni, che andranno abbattute con la demolizione del ponte, ammontano a 286 i nuclei familiari sfollati per un totale di oltre 500 persone. Sono interessate dall'ampliamento della legge del Pris anche dodici aziende di varie dimensioni e di svariate centinaia di dipendenti, che dovranno essere tutelate, affinché sia garantita la continuità occupazionale e produttiva».

Soldi - «A queste verrà riconosciuto, oltre al valore dell’immobile e dell’indennizzo Pris di 45.000 euro, un ulteriore risarcimento mensile, motivato dall'immediato sgombero. Metteremo in campo tutte le soluzioni possibili per venire in contro a chi sta vivendo situazioni difficili dopo il cedimento di ponte Morandi. Tutto ciò che è in Zona Rossa è indennizzabile – ha proseguito Giampedrone – lo sarà anche se questa sarà allargata. Lavorerò affinchè si possa creare una zona cuscinetto che dovrà subire un doppio disagio, che non è essere considerata come indennizzabile ma convivere con un cantiere».





Giovedì 30 agosto 2018 alle 16:55:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova

































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News