Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 20.00 del 19 Novembre 2018

Uil Liguria: «Il Governo del popolo tradisce lavoratori»

Uil Liguria: «Il Governo del popolo tradisce lavoratori»

Genova - «In barba alle promesse e alla necessità di aiutare chi sta pagando le conseguenze del crollo del ponte Morandi, il governo decide di fregarsene delle difficoltà delle lavoratrici e dei lavoratori Liguri»: lo afferma Mario Ghini, segretario generale Uil Liguria, a seguito delle vicende riguardanti gli emendamenti del famoso “decreto Genova”.

«Il Governo del Popolo, che del Popolo non è, ieri sera in Commissione Parlamentare, alla votazione degli emendamenti utili e necessari a migliorare il decreto per Genova, ha votato contro la possibilità di avere la cassa integrazione in deroga per 24 mesi, creando un danno enorme a migliaia di lavoratrici e lavoratori che, da quel tragico 14 agosto, non possono più lavorare e che, per non essere licenziati, hanno bisogno degli ammortizzatori sociali in deroga. Cosa fanno o cosa dicono la Lega e i 5 Stelle Liguri di questo atteggiamento del governo che in questo esecutivo hanno illustri rappresentanti? – prosegue Mario Ghini - Governo che in barba a promesse fatte, ovviamente non mantenute, va contro le lavoratrici e i lavoratori di Genova e della Liguria. Non ci vengano a dire che non è così, magari dando colpa al solito modello Paese, al solito sistema. Scuse su scuse agitando lo spauracchio degli abusi e fermando, per questo, i provvedimenti che risolleverebbero la vita dei lavoratori travolti dalle conseguenze del crollo del ponte».

«Genova e la Liguria hanno bisogno di ripartire il prima possibile, hanno bisogno di certezze, di tempi garantiti nella realizzazione delle opere, di strumenti concreti per rilanciare le attività economiche, commerciali e industriali ancora ferme da quel giorno maledetto. Basta nascondersi dietro una foglia di fico, per la Uil non è più tollerabile questo atteggiamento – dichiara Ghini - Dimostrino, questi amministratori della cosa pubblica, di essere in grado di governare il Paese, dimostrino che in un momento difficile e complicato sono in grado di stare al fianco dei cittadini in difficoltà e di non fare promesse per qualche applauso in più a fini elettorali. Caro governo, per la Uil, qui a Genova non abbiamo bisogno di improvvisatori, c’è in gioco, non solo il futuro di una Città e di una Regione, ma la credibilità del Paese e delle istituzioni. “Noi faremo di tutto, siamo pronti anche la mobilitazione, se necessario, perché l’Italia sana vinca questa scommessa», conclude Ghini.

Martedì 23 ottobre 2018 alle 12:35:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova

































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News