Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 22.20 del 23 Gennaio 2019

Allo stadio nessun disordine, la violenza si sposta in autostrada

Il report dell'Osservatorio sulle manifestazioni sportive: napoletani, laziali e romanisti i più "attivi" tra casello e casello.

VIOLENZA
Allo stadio nessun disordine, la violenza si sposta in autostrada

Genova - L'Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive ha stilato anche quest'anno il report sui campionati di calcio 2017/18, lanciando un nuovo allarme. Il raffronto conferma la generale tendenza negativa già evidenziatasi per il girone di andata, anche se è contenuto il divario della forbice con i dati dello scorso anno. La serie A si posiziona all’apice del podio-criticità con l’incremento più rilevante; si conferma di contro una ripresa della partecipazione di pubblico allo stadio, (un milione circa in più rispetto ai 8.400.000) anche in trasferta, passati da 267mila a quasi 400mila.

Praticamente nulli gli incidenti allo stadio o nelle immediate vicinanze, mentre si registra una pericolosa ripresa di condotte delinquenziali o incivili lungo le vie di trasporto, specie stradali, passati da 93 a 120 episodi. Protagonisti in tale ambito i tifosi della serie A (da 45 a 65), seguiti dalla Lega Pro (da 23 a 35) ed infine la serie B (da 25 a 20). La foto dell’andamento, ricca di punti fuori fuoco, appare ancora il risultato dell’assenza del mondo-calcio nella cogestione dell’evento sportivo e che fa presumere, anche per la prossima stagione, il consueto, massimo sforzo delle Forze dell’ordine.

Gli incontri con feriti sono aumentati da 52 a 63, i feriti tra le forze dell’ordine aumentati da 46 a 58, gli steward da 8 a 17, gli arrestati sono passati da 29 a 72 e le persone denunciate da 951 a 1023. Sono diminuiti solo i feriti tra i civili, da 48 a 46. In numeri assoluti l’impiego delle forze dell’ordine ha subito un decremento di circa 8mila unità (da 185.784 a 177.341), pari
al 4,5% rispetto alla stagione 16/17, ma il dato è condizionato dal minor numero di gare (-145). L’impiego medio nelle 1.899 gare risulta in generale aumentato del 2,2% (da 91 a 93 unità a partita), con un incremento del 4,5% in A (da 202 a 211) ed una diminuzione in B del 3% (da 105 a 102) e in Lega Pro del 6% (da 49 a 46).

Le condotte incivili o delinquenziali in ambito autostradale sono state 135: la "classifica" di demerito vede in testa il Napoli (15), seguito da Lazio (13), Roma (12), Inter (9) e poi Catania, Milan e Foggia a 5; Bari, Benevento, Pisa, Fiorentina, Brescia, Reggiana e Siracusa a 4. Infine altre 35 tifoserie sono state protagonista di altre 43 episodi. Sulla ferrovia invece si sono "distinte" le tifoserie di Varese (2) e poi a seguire Bologna, Carrarese, Empoli, Lucchese, Milan, Montevarchi, Pisa e Rimini per un totale di dieci episodi.

Domenica 30 dicembre 2018 alle 14:00:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova

































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News