Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 18.20 del 25 Agosto 2019

Genoa - Torino, il tifo organizzato: «Preziosi, la pazienza è finita. Sabato stiamo fuori»

La rabbia verso il numero uno della dirigenza arriva dopo l'ennesimo derby perso

comunicato congiunto
Genoa - Torino, il tifo organizzato: «Preziosi, la pazienza è finita. Sabato stiamo fuori»

Genova - «Ferraris deserto e niente striscioni»: è arrivata in un comunicato la presa di posizione da parte dei tifosi organizzati del Genoa in vista della gara contro il Torino di sabato alle 15. Dalle 12.30 i supporter rossoblu si ritroveranno comunque davanti ai cancelli dello stadio per presidiarli come hanno spiegato in una nota.

Rabbia - Gli Ultrà Genoa C.F.C 1893 e l’Acg in un comunicato hanno spiegato le ragioni della protesta: «La tifoseria organizzata ha preso unanime decisione di non rendersi più disponibile ad assistere ai "Giochi Preziosi" e rimarrà fuori dallo stadio in totale e definitiva contestazione al proprietario del Genoa C.F.C. 1893, che riteniamo debba essere giunto al capolinea. Naturalmente lo stadio sarà interamente spoglio dei nostri striscioni e delle nostre bandiere. Dopo aver considerato diverse possibilità in merito ad una possibile forma di contestazione nei suoi confronti, crediamo che questa possa davvero essere l'unica strada. E soprattutto riteniamo sia davvero arrivato il momento nel quale dire, senza mezzi termini, che chi ha il Genoa davvero nel cuore, non vuole più aver nulla a che fare con questo personaggio. I risultati sportivi (che con campionati a 16 o 18 squadre ci avrebbe già visti retrocedere più volte) e la gestione finanziaria del Genoa, sono sotto gli occhi di tutti e non solo dei tifosi. Continue vendite e bilanci in rosso».

«Ma soprattutto la colpa che mai gli potrà essere perdonata è quella di aver reso apatico e spettatore un popolo fiero e orgoglioso come nessun altro per cui la condizione deve essere una, vattene. Questa volta è davvero arrivato il momento di dire basta e lo ripetiamo, non potrà più essere il ricatto della categoria o della singola partita, seppur importante, a condizionare le nostre scelte. Organizzeremo prossimamente un’assemblea pubblica dove potranno intervenire tutti coloro i quali hanno davvero il Genoa nel cuore e nella quale illustreremo come procederemo e che vorrà trovarci tutti compatti verso Preziosi. Chi entra deve sapere che sarà complice di questa dirigenza e di questo proprietario».

Giovedì 18 aprile 2019 alle 11:05:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova


































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News