Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 18.00 del 22 Luglio 2018

Torreira e Laxalt, la Genova della coppa del mondo

Torreira e Laxalt, la Genova della coppa del mondo

Genova - Sebbene la coppa del mondo 2018 di Russia si stia avviando verso la fine e l'avventura della nazionale uruguayana sia già terminata, le imprese della Celeste del maestro Oscar Washington Tabarez sono state tra le più significative in questa competizione. La nazionale sudamericana, che fa leva su un bacino di abitanti di appena 3 milioni, ossia pari alla popolazione dell'area metropolitana di Napoli o Milano, è arrivata ai quarti di finale della VM 2018 dopo aver vinto il proprio girone ed aver fatto fuori il Portogallo di Cristiano Ronaldo agli ottavi. Tuttavia, la maggior qualità della Francia di Didier Deschamps insieme all'assenza del goleador di qualità Edinson Cavani, hanno condizionato l'incontro dei quarti nel quale i francesi si sono imposti per 2 a 0. La nazionale uruguayana ha così abbandonato la Russia dopo aver inanellato una serie di partite encomiabili dal punto di vista dell'impegno profuso e dopo aver eretto un muro difensivo, con a capo il capitano Diego Godin, che ha permesso alla Celeste di essere la miglior difesa del torneo fino proprio ai quarti.

Eppure, al di là dei soliti nomi di Suarez, Cavani, Godín e Vecino, due sono i giocatori che hanno ben impressionato nell'Uruguay visto in Russia, ed entrambi giocano a Genova. Si tratta di Diego Laxalt e di Lucas Torreira, rispettivamente terzino sinistro del Genova e regista della Sampdoria. Mentre le attuali quote delle scommesse sul campionato di Serie A vedono di nuovo la Juventus come favorita al titolo, le due storiche società della città della lanterna si sono viste in qualche modo proiettate a livello mondiale da questi due calciatori giovani e intraprendenti. Sia Laxalt che Torreira hanno iniziato il torneo in questione da panchinari per poi acquisire sempre più importanza diventari titolari indiscutibili. Se, infatti, Laxalt garantisce spinta e protezione sulla fascia sinistra, Torreira fornisce geometrie importanti nella costruzione del gioco. Non a caso il regista uruguyano era stato accostato al Napoli, che sta vendendo adesso Jorginho al City per una cifra intorno ai 60 milioni. Sebbene sia presto per parlare di mercato e tutti i giocatori impiegati nella coppa del mondo 2018 saranno in vacanza per un bel po', la crescita dei due genovesi impegnati in questo torneo è stata rilevante.

Stiamo parlando, infatti, di due elementi infaticabili che rispecchiano come pochi la caratteristica grinta uruguayana, che i loro connazionali definiscono in spagnolo "garra charrua". Laxalt è il classico terzino roccioso e rapido che non ha paura di nessuno, mentre Torreira è un regista bravo coi piedi ma anche abile a fare da frangiflutti per evitare gli attacchi avversari. L'ennesima intuizione del maestro Tabarez ha fatto bene a entrambi i calciatori, adesso più maturi per dare una mano alle loro rispettive squadre di club.

A Genova, dove di calcio se ne intendono, li aspettano tutti a braccia aperte per ripartire di slancio per la nuova stagione di Serie A. Non c'è dubbio che dopo un mondiale del genere, entrambi saranno carichi e motivati al punto giusto.

Mercoledì 11 luglio 2018 alle 10:07:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova
































Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News