Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 20.45 del 24 Maggio 2019

I cani sono indisciplinati, ma ai padroni non piacciono i controlli: guardie zoofile "diffidate"

Surreale
I cani sono indisciplinati, ma ai padroni non piacciono i controlli: guardie zoofile `diffidate`

Levante - Il controllo costante dei Parchi di Nervi non piace ad alcuni dei suoi avventori, che non hanno mancato di far pervenire le proprie rimostranze: sarebbero, infatti, ben 278 i padroni di cani che lamentano un forte disagio legato alle multe e ai controlli serrati portati avanti dalle guardie zoofile all'interno dei Parchi.

La vicenda - Lasciar correre i cani senza guinzaglio, farli sporcare nei prati senza pulire, non rispettare le zone interdette: queste sono solo alcune delle contestazioni "poco apprezzate" da alcuni padroni cani coinvolti, ma tant'è potrebbero bastare per rischiare di far saltare la convenzione tra il Municipio e le guardie eco-zoofile incaricate di sorvegliare i Parchi.
Pare, infatti, sussista una vera e propria raccolta firme, al cui interno gli avventori "scontenti" dell'operato delle guardie zoofile chiedono che le stesse si limitino ad adottare un comportamento più "permissivo" nei loro confronti. Ma la cosa che più stupisce è che lo stesso Municipio IX Levante abbia accolto la richiesta di questi cittadini e abbia inviato alla Onlus U.N.A - autrice del servizio di sorveglianza e monitoraggio dei Parchi, con guardie eco-zoofile autorizzate dalla Prefettura - una lettera di "diffida", cosa che ora rischia di mandare in malora la convenzione.

La segnalazione - A "denunciare" l'accaduto ha pensato il consigliere municipale Michele Raffaelli attraverso un post sulla sua pagina Facebook, nel quale si può leggere testualmente: «La "non sanzione" sarebbe una grave omissione, sarebbe come chiedere ad un agente di Polizia di non perseguire un trasgressore o chi commette un reato. [...] Mi incuriosisce come una Giunta come quella attuale, che richiama alla sicurezza, al rispetto, all'ordine possa schierarsi contro i "tutori dell'ordine". Mi verrebbe da dire: "quante firme servono per non fare fare le multe per divieto di sosta alla PM?" Parlerò al più presto con il Presidente Carleo, con l'assessore competente, con la Prefettura, con la Procura della Repubblica, perché se le Guardie hanno sbagliato, DEVONO ESSERE RICHIAMATE E PUNITE, se hanno elevato verbali scorretti, VANNO CANCELLATI, se così non è vanno supportati e vanno fatte tutte le azioni per una parallela "cultura del vivere gli spazi pubblici"».

Lunedì 8 aprile 2019 alle 09:30:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova


































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News