Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 12.25 del 7 Dicembre 2019

Quarto, sequestrati i Bagni Liggia perché "abusivi". Ma il titolare non ci sta

Violazione della Bolkestein
Quarto, sequestrati i Bagni Liggia perché `abusivi`. Ma il titolare non ci sta

Levante - A seguito della sentenza del Tribunale del Riesame - arrivata circa una settimana fa - questa mattina la Polizia Locale e Capitaneria di Porto hanno posto sotto sequestro i Bagni Liggia, a Quarto.

Il sequestro - A quanto pare, sarebbero scattati i sigilli allo stabilimento del levante genovese a causa di una violazione della Bolkestein: a maggio 2018, infatti, il titolare della spiaggia aveva abbattuto il muretto di un bagno vicino con il via libera del Comune, ma proprio in quell'occasione la Procura aveva aperto un'indagine in merito al fatto che l'area su cui si trova lo stabilimento sarebbe stata occupata abusivamente, cosa che avrebbe, di fatto, comportato una violazione della suddetta direttiva europea. Allora una prima richiesta di sequestro è stata respinta dal Gip, ma la scorsa settimana la questione si è riaperta e - per il momento - anche richiusa con l'accoglimento della richiesta da parte della Cassazione, che - dopo aver rimandato il tutto nuovamente al Riesame - avrebbe infine confermato il sequestro.
Il titolare dei Bagni Liggia, però, non ci sta: «In Comune di Genova ci sono 33 concessioni demaniali ritenute "abusive" secondo l’impostazione del Tribunale» incalza infatti l'uomo, che aggiunge: «Nella sola Provincia di Genova le concessioni "abusive" secondo il criterio utilizzato per me sarebbero 198, in Liguria 1167 e in Italia quasi 11mila». «Sono sempre stato ottimista e fiducioso che, alla fine, il buon senso avrebbe sempre prevalso» conclude, «ma ora comincio ad avere dei dubbi».
La questione, insomma, non finisce qui.

Mercoledì 17 luglio 2019 alle 12:35:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova


































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News