Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 18.00 del 17 Novembre 2018

Waterfront di Levante, il processo di valorizzazione entra nel vivo

Ritenuta valida un'unica manifestazione di interesse

RIQUALIFICAZIONE
Waterfront di Levante, il processo di valorizzazione entra nel vivo

Levante - L'unica manifestazione di interesse per il waterfront di Levante è pervenuta dal gruppo EM2C di Lione per il lotto totale e due manifestazioni parziali per un solo lotto. L'annuncio è arrivato nella conferenza stampa che si è tenuta a Palazzo Tursi.

«Il watefront di Levante è un’opera fondamentale per Genova: vogliamo che la città si riprenda il mare e un’area per lo sport, il commercio, la nautica da diporto e una passeggiata che vada dalla Foce alla Lanterna» ha annunciato il sindaco e commissario per la ricostruzione Marco Bucci questa mattina a Palazzo Tursi durante la presentazione degli esiti della prima fase del progetto. Il primo cittadino ha poi aggiunto: «Quello di oggi è un segnale positivo perché dimostra che Genova non si è fermata e va avanti nella sua crescita. Sul progetto del waterfront siamo in ritardo di due settimane ma recupereremo ed entro fine anno ci sarà la firma finale del progetto».

Opere - Il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti ha poi parlato dell’importanza del waterfront di Levante: «E’ una delle grandi opere urbanistiche con i Magazzini del Cotone e il restauro del Porto Antico. Noi ripartiamo da qua e lo facciamo con un altro progetto di Renzo Piano, perché Genova merita il recupero di quell’area. Faccio i miei complimenti agli assessori e a tutti quelli che ci hanno creduto e hanno lavorato tanto nonostante le difficoltà del periodo. Tutti insieme speriamo di vedere il cantiere entro il 2019».

Progetto - «Dallo scorso settembre ho ricevuto dal sindaco il compito di lavorare a questo progetto – ha proseguito Simonetta Cenci assessore comunale all’urbanistica – La settimana scorsa sono uscite sei proposte, due sul lotto totale, tre su quelli parziali e una ritenuta non idonea per la seconda fase. E’ stata invece ritenuta ammissibile la proposta EM2C, una società di Lione. E’ stato fondamentale il rapporto con la Soprintendenza per avere dei pareri. Qua con noi non c’è il presidente dell’Autorità di Sistema del Mar Ligure Occidentale Paolo Emilio Signorini perché è a Roma ma è lieto che questa collaborazione cambi in meglio il volto del porto, in primis con la Torre Piloti».

Urbanistica - Infine ha preso la parola Vincenzo Tinè sovrintendente per l'Archeologia, le belle arti e il paesaggio per la città metropolitana di Genova e le province di Imperia, La Spezia e Savona: «La programmazione tra Regione, Comune, Autorità Portuale e Sovrintendenza dimostra la voglia di cambiamento di Genova. Non posso che dire grazie, anche da parte del Ministero, soprattutto per la proficua collaborazione che stiamo mettendo in piedi».

Lunedì 15 ottobre 2018 alle 14:10:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova

































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News