Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 19.10 del 10 Dicembre 2018

Bogliasco ko in casa contro la Florentia

Bogliasco ko in casa contro la Florentia

Levante - Bogliasco rimanda ancora l’appuntamento con la prima gioia stagionale perdendo 11-8 in casa contro la Florentia. Punteggio bugiardo che non rispecchia per nulla l’andamento di una gara in bilico fino alla metà dell’ultimo quarto. Soltanto nei minuti conclusivi infatti la formazione toscana riesce a far pendere la bilancia definitivamente e fin troppo ampiamente dalla propria parte, dopo essere stata comunque spesso avanti nel tabellino.

Trascinati da un Francesco Coppoli in giornata di grazia, gli ospiti partono mettendo a referto un doppio vantaggio dimezzato ad otto secondi dalla prima sirena dal gol in superiorità di Mario Guidi. Il giovane difensore ligure si ripete anche a metà del secondo tempo dopo che però Astarita ha già segnato il primo dei suoi tre gol personali. Ma sono soprattutto gli ultimi due minuti della seconda frazione a costare caro ai bogliaschini, bucati altre due volte da Bini e Coppoli.

La riscossa ligure arriva al cambio vasca e a suonare la carica è Matteo Monari. Il difensore biancazzurro nel giro di 180’ realizza tre gol praticamente in fotocopia, battendo sempre dalla distanza e sempre sulla sua sinistra Cicali. Ritornato in linea di galleggiamento per la prima volta nell’incontro, però, Bogliasco non riesce ad emergere completamente dall’acqua, limitandosi a ribattere colpo su colpo ai momentanei vantaggi fiorentini con Gambacorta, Ravina e Sadovyy. Lo squillo del centroboa italo-ucraino è tuttavia anche l’ultimo dei levantini che nel finale pagano lo sforzo subendo una punizione fin troppo severa.

«Oggi era un bel esame per capire tante cose - ha commentato a fine gara mister Magalotti - La prima era renderci conto di quale campionato dovremo affrontare e dopo questo risultato è evidente che dovremmo correre la salvezza. Non che prima pensassimo allo scudetto però le possibilità per fare qualcosa di meglio c’erano tutte ma ora la nostra classifica dice questo. Avremmo potuto raddrizzarla e invece nonostante ci abbiamo provato fino all'ultimo alla fine ci è andata male. L'altra indicazione ricevuta è invece una conferma: se giochiamo uniti, come abbiamo fatto a sprazzi più volte in questa gara, possiamo giocare davvero una buona pallanuoto. Peccato che non si riesca a farlo continuativamente».

Domenica 11 novembre 2018 alle 10:00:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova

































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News