Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 20.00 del 21 Agosto 2018

Martedì 30 a Sori «Invecchiano solo gli altri»

Martedì 30 a Sori «Invecchiano solo gli altri»

Liguria - La Stagione 2017/2018 di Soriteatro prosegue martedì 30 gennaio (ingresso libero fino a esaurimento posti) al teatro di Sori con Invecchiano solo gli altri, un appuntamento del ciclo Sorincontra di cui sono protagonisti l’antropologo Marco Aime e lo storico Luca Borzani. Il titolo della serata è anche il titolo di un saggio che i due autori hanno pubblicato per Einaudi nel 2017. Parte dall’idea che non ci siano piú gli anziani di una volta. Sono tanti, saranno sempre di piú, padroni di un futuro ancora lungo. Ma neppure i giovani non sono piú quelli di una volta. Sempre meno numerosi, discriminati, prigionieri del presente. Una riflessione che cerca di rispondere alla domanda: “È ancora possibile trovare un equilibrio tra le generazioni in un mondo che ha messo al bando la vecchiaia?”.

“La nostra – spiega Aime – è una riflessione quasi autobiografica. Chi come noi è nato negli anni Cinquanta comincia a pensare in termini diversi all’età e si confronta con la vecchiaia. Ma proprio la nostra generazione è stata la prima della storia ad essere identificata con una categoria sociale prima inesistente, quella dei giovani, protagonisti di uno scenario politico ed estetico caratterizzato dalla volontà di rompere con il passato”. Come se un sessantottino fosse condannato ad essere giovane per sempre e non sopportasse la fatica di definirsi vecchio, mettendo con questa parola il suggello a una stagione esaltante ma finita. Nel frattempo sono cambiati anche i ragazzi ed è mutata la loro relazione con gli adulti. “Non esiste più – continua Aime – il conflitto generazionale, importante motore di innovazione. Gli adulti di oggi giocano a fare i giovani, i sessantenni possono ancora progettare perché la vita media si è allungata, ma non sono più i principali veicoli della trasmissione del sapere. In questa funzione il principale concorrente è la rete, a cui si rivolgono con più agio i figli e i nipoti. Il web, di fatto, ha reso gli anziani meno autorevoli. Siamo una generazione sandwich, schiacciati tra i figli che non riescono ad andare via di casa perché non trovano lavoro e i genitori anziani da accudire”. La serata si propone come una riflessione sui cambiamenti sociali e antropologici degli ultimi decenni in relazione al modo di concepire l’età, considerando la fine dei conflitti generazionali, la difficoltà dei giovani a trovare l’indipendenza e il rifiuto del anziani di considerarsi depositari del sapere. Sempre meno persone accettano la responsabilità e il ruolo di guida, lasciando un vuoto difficile da colmare.

Sabato 27 gennaio 2018 alle 11:00:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova
































Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News