Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 13.30 del 18 Ottobre 2019

Agricoltura, Coldiretti: «Per difendere il territorio evitare l'aumento delle tasse»

Agricoltura, Coldiretti: «Per difendere il territorio evitare l´aumento delle tasse»

Liguria - «Scongiurare l'aumento dell'Iva, ma non facendo crescere la pressione fiscale: in questo difficile momento di mercato dove sono positivi solo gli acquisti alimentari cresciuti, nell'ultimo anno, dello 0,6%, bisogna evitare di aumentare le tasse per non gravare ancora di più sulle imprese agricole, che con il loro lavoro presidiano il territorio e valorizzano il Made in Liguria»: lo riporta Coldiretti Liguria nel commentare le affermazioni di Coldiretti nel corso dell'audizioni nelle commissioni Bilancio di Camera e Senato, impegnate nell'esame del DEF. Il DEF (Documento di Economia e Finanza) appare condivisibile laddove si occupa della razionalizzazione del quadro normativo ed amministrativo attinente l'agricoltura.

«Le aziende agricole ed ittiche del nostro territorio – affermano il Presidente di Coldiretti Liguria Gianluca Boeri e il Delegato Confederale Bruno Rivarossa – attualmente si trovano a fare i conti con un mercato non tra i più favorevoli, ma dove riescono comunque a farsi spazio grazie alle eccellenze che producono e al loro grande spirito imprenditoriale. Per non andare, però, ad intaccare ancora di più un settore di grande importanza per l'economia regionale, bisogna evitare di tassare ulteriormente le aziende per mantenere l'attuale livello delle aliquote IVA, cercando, allo stesso tempo, di scongiurarne il pericolo di un futuro aumento. Se, infatti, l'aumento Iva entrasse in vigore, nella nostra regione, sarebbe un durissimo colpo per le nostre aziende, soprattutto per quelle ittiche, che vedrebbero l'IVA del pesce fresco, ad oggi al 10%, aumentare ulteriormente mentre per astici, aragoste e crostacei in generale, considerati un bene di lusso e con Iva già al 22%, si arriverebbe a cifre proibitive. Non ostacolare le aziende ma programmare piani che ne aiutino lo sviluppo e l'innovazione permetterà al territorio di continuare a crescere e alle nostre aziende di lavorare un po' più serenamente».

Martedì 16 aprile 2019 alle 11:25:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova


































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News