Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 22.15 del 13 Novembre 2018

In Liguria 744 imprese in più: calano le chiusure

I dati sono stati resi noti da Unioncamere

SEGNALI POSITIVI
In Liguria 744 imprese in più: calano le chiusure

Liguria - «Tra aprile e giugno in Liguria sono nate 26 imprese al giorno mentre 18 hanno chiuso l’attività: il tasso di crescita si mantiene sugli stessi livelli dell’anno scorso, con un saldo tra iscrizioni e cessazioni di imprese pari a +744, incrementando ulteriormente il numero di imprese attive, che da 136.636 salgono a 136.675. Da sottolineare che, a fronte di un rallentamento delle iscrizioni (-4,1%), le chiusure hanno registrato una riduzione dell’8,3%, dato più basso registrato dal 2011»: così Unioncamere sulla dinamica delle imprese in Liguria.

Settori - «Dal punto di vista delle forme giuridiche adottate dalle imprese, spicca il contributo delle imprese individuali che rappresentano il 62% del totale, seguite dalle società di persone con un’incidenza pari al 19%. Molti i settori che hanno chiuso il bilancio anagrafico in modo positivo: in termini assoluti particolare dinamicità si riscontra nel settore delle costruzioni (+27), nei servizi di supporto alle imprese (+26) e nelle imprese agricole (+22). Di segno positivo, ma dimezzato rispetto ad un anno fa, anche il saldo per le imprese artigiane, +80 unità, con un tasso di crescita pari allo 0,3%, stabile negli ultimi 5 anni. Nel comparto artigiano i settori economici che hanno registrato i saldi positivi più consistenti sono le costruzioni (+32unità), le altre attività di servizi (+41), e il noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese (+19)».

Liguria - Tutte e 4 le province liguri hanno registrato un saldo positivo: Genova +351 imprese, Imperia +170, Savona +80 e La Spezia +143. Dall’analisi dei settori economici, a Genova si è registrato un saldo positivo nei servizi a supporto delle imprese (+14 imprese), nei servizi di informazione e comunicazione (+12) e nell’agricoltura (+8); a Imperia cresce il settore delle costruzioni (+23 imprese), il comparto agricolo (+10) e quello collegato ai servizi di alloggio e ristorazione (+8); Savona ha registrato il più consistente aumento nel settore turistico (+11 imprese) e nelle altre attività di servizi (+10); La Spezia, infine, ha visto crescere le attività commerciali (+8 imprese), i servizi di supporto alle imprese e le attività finanziarie e assicurative (entrambi +4). Anche per quale che riguarda le imprese artigiane, tutte e quattro le province hanno registrato saldi positivi: Genova +27, Imperia +36, Savona 11 e La Spezia +6.Per concludere un accenno alle imprese femminili, giovanili e straniere, che
verranno esaminate in report specifici. Le imprese “rosa” in Liguria registrano un saldo positivo pari a 270 unità: Genova ha guadagnato 95 imprese, Imperia 66, Savona 63 e infine La Spezia 46. Sul fronte giovanile il saldo positivo è più consistente, +443 imprese, così suddiviso: Genova sempre al comando con 221 imprese in più, segue Savona con 78 imprese, Imperia con 76 imprese e chiude La Spezia con 68. Infine le imprese straniere registrano un saldo pari a +187 unità, di cui 98 a Genova, 63 a Imperia, 17 a Savona e 9 a La Spezia.

Venerdì 27 luglio 2018 alle 10:10:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova

































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News