Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 08.30 del 19 Luglio 2019

Liguria prima in Italia per vocazione artigiana, vola l’economia dei consumi tipici natalizi

Sono 294 i prodotti d’eccellenza, 3.082 imprese, 6.705 addetti e 435 milioni di euro gli acquisti

Liguria prima in Italia per vocazione artigiana, vola l’economia dei consumi tipici natalizi

Liguria - Sono oltre 3 mila in tutta la Liguria e producono dolci, formaggi, vini, conserve, olio, salse e molte altre prelibatezze tipiche della nostra regione. Sono le micro e piccole imprese artigiane del settore alimentare, 3.082 realtà, in leggero calo sul nostro territorio nell'ultimo anno (-0,9%, 28 imprese in meno), diminuite circa dell'1% dal 2013. Lo dicono gli ultimi dati Unioncamere-Infocamere relativi al terzo trimestre 2018, elaborati dall'Ufficio studi Confartigianato. Nel confronto nazionale, la Liguria “regge”: le quasi 89 mila realtà sono calate dell'1,2% nell'ultimo anno, -1,8% negli ultimi cinque anni.

Cibo -/b> Veniamo ai principali settori: per la maggior parte si tratta di pasticcerie, panifici e gelaterie (1.541, in calo dell'1,3%). Seguono i servizi di ristorazione da asporto (1.082, in crescita dello 0,6%). La produzione di pasta conta 202 realtà (-1%). Seguono 53 piccole imprese attive nella produzione di oli e grassi vegetali e animali, invariate rispetto al 2017, mentre sono 42 le realtà attive nel settore del tè, caffè, cacao, spezie (-4,5%). Nella lavorazione e conservazione di frutta, ortaggi e pesce sono attive 33 microimprese (-2,9%). 26 tra distillerie, birrifici e produzione di altre bevande, tante quante se ne contavano nel 2017. 17 le realtà attive nella lavorazione e conservazione di carne (-19%).

Qualità - «Settore di eccellenza e largamente apprezzato, l'artigianato alimentare ligure si caratterizza, da sempre, per l'uso di materie prime di alta qualità, per la lunga e unica tradizione e per una lavorazione attenta e sapiente – lancia un appello Giancarlo Grasso, presidente di Confartigianato Liguria – Per questi motivi, e a maggior ragione nel periodo natalizio, acquistare un dono o un prodotto da portare sulle tavole delle feste in una delle nostre piccole imprese non rappresenta solo una scelta di qualità, ma anche un'azione di sostegno a un tessuto economico fondamentale della nostra regione». Secondo le ultime stime Istat, saranno 435 i milioni di euro spesi dalle famiglie liguri nel mese di dicembre per cibi e bevande, di cui 195 intercettabili dall'artigianato. La cifra risulta più alta di 72 milioni rispetto al consumo medio mensile. Genova spenderà 239 milioni di euro, La Spezia 58 milioni, mentre a Savona saranno 79 ed Imperia 59 milioni.

Produzione - Uno sguardo alle province: Genova in testa per numero di microimprese attive, in totale 1.564, in calo dell'1,4%. Per la maggior parte si tratta di imprese attive nella produzione di pane, dolci e gelati: sono 715, in calo del 2,3%. 641 sono i servizi di ristorazione da asporto, in calo di mezzo punto percentuale. 115 attive nella produzione di pasta (-0,9%). Cresce l'artigianato caseario (+20%) e la produzione di vini e distillati (+11%), che contano rispettivamente 12 e 10 microimprese. Savona è seconda per numero di realtà attive, 693, -1,6%. In prevalenza sono panifici, pasticcerie e gelaterie (392, -1,3%), seguite dalla ristorazione da asporto (191, -1%), sono rimasti 41 i pastifici. Alla Spezia troviamo 429 microimprese alimentari (+0,2%). Anche in questo caso, la maggioranza è composta da panifici e pasticcerie (233, rimaste invariate rispetto al 2017) e dalla ristorazione da asporto (143, in crescita del 2,9%). I pastifici sono 24, gli stessi attivi nel 2017. A Imperia l’artigianato alimentare conta 396 microimprese, in aumento dell'1,3%. Un trend positivo, trainato soprattutto dall'aumento di panifici, pasticcerie e gelaterie (201, +1%) e soprattutto dai servizi di ristorazione da asporto (107, +7%). In calo i pastifici (-4,3%, 22 realtà attive), invariate le 37 imprese attive nella produzione di olio. La vocazione artigiana certificata dal peso dell’artigianato sull’occupazione del settore alimentare e bevande è più elevata in Liguria (68,5%, con 6.705 addetti su un totale di 9.781 occupati nel settore), seguita da Sicilia (57,3%) e Basilicata (57,2%). A livello provinciale primeggia La Spezia (79,8%), seconda dopo Massa-Carrara (86,1%), mentre Savona (70,8%) si piazza al sesto posto. Genova nona (69,5%), Imperia 30esima (54,6%).

Domenica 16 dicembre 2018 alle 09:45:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova


































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News