Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 10.00 del 23 Settembre 2018

Occupazione, Cgil: «Segnali di ripresa, ma occorre un nuovo sistema di mobilità»

Occupazione, Cgil: «Segnali di ripresa, ma occorre un nuovo sistema di mobilità»

Liguria - «Ad un mese dal crollo del Ponte Morandi commentare i dati sull'occupazione del 2° trimestre del 2018 può apparire fuori luogo. Il 14 agosto ha segnato una sorta di spartiacque per cui siamo ogni giorno a rincorrere gli eventi in uno stato di emergenza permanente. In questi casi si dice che nulla sarà più come prima, ma la lettura di quei numeri ci può essere di aiuto nelle scelte da fare oggi. Dopo un 1° trimestre con il segno più anche il 2° trimestre segna una ulteriore crescita dell'occupazione; 7000 occupati in più sono un risultato importante che confermano e consolidano un'inversione di tendenza dopo 2 anni molto difficili. Non sono però tutte rose e fiori perché a crescere è solo l'occupazione indipendente mentre cala e in modo significativo l'occupazione dipendente (- 10.000 occupati); inoltre anche le persone in cerca di occupazione aumentano di 8000 unità riportando il tasso di disoccupazione sopra alla soglia del 10 percento ( 10,3%)»: lo ha spiegato la Cgil tramite una nota.

Lavoro - «Se si guarda il dato disaggregato per settore si scopre che l'industria manifatturiera ha finito la sua rincorsa e il settore delle costruzioni conosce una pesante battuta d'arresto. Commercio e turismo crescono come comparti, ma calano di 4.000 unità i lavoratori dipendenti ed ha ripreso forza la dinamica del lavoro autonomo. In altre parole una debole ripresa è in atto ma è molto fragile tanto che stenta a tradursi in occupazione di qualità. In questo contesto il crollo del Ponte Morandi amplifica e ingigantisce tutti gli elementi di debolezza strutturale del nostro sistema produttivo. Questa immane tragedia ha lasciato in ognuno di noi un grande senso di vuoto - ha proseguito - Neanche prima stavamo così bene come qualcuno voleva farci credere, ma se non reagiamo in fretta si corre il rischio di non rialzarsi più».

Ponte - «Siccome è nell'emergenza che dobbiamo dare il meglio di noi, abbiamo l'opportunità di ripensare tempi di vita e di lavoro della città, mettendo mano ad un sistema della mobilità che era già a collasso. Ma prima di ogni altra cosa dobbiamo mettere in cantiere la demolizione e ricostruzione del Ponte. Al Governo l'onere della scelta ma le soluzioni che verranno adottate devono dare certezze al sistema produttivo ed ai cittadini. Certezze nei modi con cui verranno assegnati gli appalti e certezze nei tempi di realizzazione. La qualità della ripresa occupazionale nel 2° trimestre ci dice che il nostro territorio resta poco appetibile sul piano della competitività - hanno sottolineato - Fintanto che Genova e la Liguria resteranno tagliate in due, fintanto che la scelta sarà tra percorrere 102 km in più di un'autostrada vecchia e piena di curve e attraversare una città sempre più congestionata dal traffico, qualunque sforzo è destinato a fallire. Perché il 2 ° trimestre non resti l'ultimo con il segno più, la ricostruzione ha bisogno di un quadro di regole certe che eviti ricorsi strategici ed ogni possibile rallentamento. La temerarietà con cui il Governo affronta l'emergenza Genova non è rassicurante per il futuro di tutti noi liguri», hanno concluso.

Giovedì 13 settembre 2018 alle 13:50:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova

































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News