Notizie cronaca genova Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 20.10 del 26 Maggio 2018

Risarcimenti alluvionali, la Regione mostra le carte ma l'opposizione ringhia

Risarcimenti alluvionali, la Regione mostra le carte ma l´opposizione ringhia

Liguria - «I risarcimenti destinati alle imprese liguri danneggiate dalle alluvioni nel periodo 2013-2015 ci sono e sono stati confermati dal Capo della Protezione civile Angelo Borrelli»: lo hanno chiarito il Presidente di Regione Liguria Giovanni Toti e l’assessore regionale alla Protezione Civile Giacomo Giampedrone.

Problema risolto - «La verità – ha continuato l’assessore Giampedrone - è che sarebbe bastata una telefonata agli uffici competenti invece di parlare solo con l’opposizione per non creare inutili allarmismi nei confronti del territorio e delle nostre imprese. Si è trattato di un problema tecnico-burocratico, che è stato immediatamente risolto – continua Giampedrone - grazie all’intervento tempestivo del Presidente Toti e mio, come dimostra la nota ufficiale che ci ha inviato Borrelli del 18 gennaio scorso (in allegato) in cui viene esplicitato chiaramente che i fondi per coprire i danni dal maltempo alle imprese nel periodo 2013-2015 saranno assegnati alla Liguria nel plafond disponibile per la Liguria nel 2018”. La Regione precisa quindi che «la pratica avrà il suo decorso regolare; verrà data al più presto ampia comunicazione al bando dedicato alle imprese che vorranno fare domanda di risarcimento».

Replica - «Prendo positivamente atto della risposta del presidente Toti e dell’assessore Giampedrone, in merito ai risarcimenti alle imprese liguri danneggiate dalle alluvioni nel periodo 2013/2015 - ha dichiarato il consigliere regionale di Rete a Sinistra / LiberaMente Liguria Gianni Pastorino - Ma la loro risposta non risolve la questione da me denunciata, anzi dimostra inequivocabilmente che nel migliore dei casi le aziende liguri siano state danneggiate da quello che l’assessore Giampedrone definisce con leggerezza un “problema tecnico-burocratico”. È evidente, infatti, che le aziende del nostro territorio subiranno un considerevole ritardo nell’erogazione dei fondi a loro spettanti. Da rilevare, inoltre, che “casualmente” il 4 marzo 2018 si vota. Ed è risaputo che, con le elezioni alle porte, si determinano incertezze in tutti i processi amministrativi: una difficoltà che bisognerebbe evitare in tutti i modi. Dopodiché consiglierei all’assessore Giampedrone di evitare di usare la frase “immediatamente risolto”, in quanto sono perlomeno 6 mesi che questa vicenda va avanti, e nella nota cui facciamo riferimento viene precisamente detto che la notizia dello stanziamento era pervenuta in al Dipartimento del Territorio, Ambiente Infrastrutture e Trasporti in modo casuale. Quindi, per dirla tutta, un caso fortuito che mal si addice a un’amministrazione che sbandiera a più riprese efficienza e trasparenza. Comunque ci interesserà sapere dalla giunta i tempi per l’emanazione del bando e se ha richiesto al ministero come siano stati utilizzati i 15 milioni desinati alla Liguria per il 2017: per questo presenteremo un’interrogazione». E sempre in merito a questa vicenda, Fabio Tosi, del Movimento cinque stelle, ha definito Toti "troppo occupato a scansare i colpi che gli arrivano da Berlusconi su collegi e candidature per preoccuparsi delle nostre imprese, compito per il quale ha ricevuto il mandato dai cittadini liguri".

Danni - Per il Partito Democratico in Regione «dalla risposta di Toti e Giampedrone sul caso dei mancati risarcimenti dei danni alluvionali per le imprese liguri arriva la conferma che, quanto denunciato purtroppo è vero: il presidente della Giunta non ha letto la pec istituzionale in cui il Dipartimento di protezione civile gli comunicava che erano disponibili le risorse per le aziende colpite e danneggiate dal maltempo. A chiarire ulteriormente la vicenda c’è anche la lettera del capo della Protezione civile Borrelli da cui si evince che quei soldi erano disponibili dal 2016 e che, grazie al Governo si potranno provare a recuperare nei prossimi mesi, nel 2018. Insomma Toti ha fatto perdere un anno e mezzo alle imprese liguri danneggiate dal maltempo. I soldi c’erano ma lui non se n’era accorto perché non aveva letto l’e-mail istituzionale e certificata. Certo, il fatto che il Governo stia provando a rimediare ai danni del presidente della Giunta ligure ci rincuora, ma è incredibile che Toti abbia fatto perdere così tanto tempo alle imprese del nostre territorio. Rinnoviamo la richiesta al presidente della Giunta di riferire in Consiglio regionale».

Venerdì 26 gennaio 2018 alle 16:55:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova
































Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News