Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 11.10 del 20 Ottobre 2019

Secondo trimestre verso la stabilità per l'artigianato ligure

Tra le province il calo più pesante a Genova (-0,7%).

Secondo trimestre verso la stabilità per l´artigianato ligure

Liguria - Secondo trimestre vicino alla stabilità per l'artigianato ligure, dopo un finale di 2018 piuttosto negativo (-1%). Secondo gli ultimi dati Infocamere-Movimprese, su un totale di 43.194 microimprese artigiane ligure attive, nel secondo trimestre si contano 905 aperture e 974 chiusure, per un saldo finale leggermente negativo dello 0,16%. In Italia la filiera artigiana incrementa le proprie unità dello 0,2%: 24.591 aperture e 22.044 chiusure, su un totale di quasi 1 milione e 291 mila microimprese attive.

Settori - In Liguria manifatturiero e costruzioni, i due principali settori di attività artigiana, segnano rispettivamente un lieve calo dello 0,02% e dello 0,3%: il manifatturiero conta 7.024 microimprese all'attivo (132 aperture e 134 chiusure), mentre l'edilizia chiude il trimestre con 20.766 realtà attive (444 aperture e 506 chiusure). In Italia i due settori segnano rispettivamente un calo dello 0,08% e una leggera crescita dello 0,3%.

Imprese - «Numeri che, complessivamente, indicano un rallentamento dell'emorragia di imprese soprattutto nel settore manifatturiero e che, a livello provinciale, mettono in evidenza il maggior calo delle imprese genovesi – sostiene Giancarlo Grasso, presidente di Confartigianato Liguria – Restano comunque dati da commentare con prudenza, confidando che vengano confermati anche nei prossimi trimestri e ci aspettiamo, per risalire la china, che sia ridotta a livello nazionale la tassazione e che sia dato ossigeno al settore attraverso la riapertura autunnale dei bandi regionali».

Province - Entrando nel dettaglio provinciale, in effetti la situazione risulta diversificata. A Genova, tra aprile e giugno, la filiera artigiana conta 22.149 microimprese, 479 nuove aperture d'attività e 638 chiusure. Il calo è dello 0,7%. Nel trimestre aprono 74 realtà manifatturiere, ne chiudono 78 (-0,1%), su un totale di 3.683 microimprese del settore. Per quello che riguarda le costruzioni, 233 aperture e 329 chiusure (-0,9%), su 10.462 realtà. Si mantiene quasi invariato il numero delle microimprese artigiane a Savona, che a fine giugno 2019 segna un -0,06%, frutto di 153 aperture contro 158 cessazioni di attività, su un totale di 8.721 realtà all'attivo in provincia. Nel dettaglio, la filiera manifatturiera si riduce dello 0,3% (1.365 microimprese, 17 aperture e 21 chiusure), mentre le costruzioni perdono appena lo 0,07% (83 nuove attività contro 86 saracinesche chiuse, su 4.363 microimprese totali del settore). Migliora la situazione alla Spezia, che segna un +0,76% complessivo sull'artigianato provinciale: le aperture (118) superano le chiusure (78) e il numero delle microimprese si attesta sulle 5.238 unità. L'edilizia cresce dello 0,6%, con 2.169 realtà attive, 53 aperture e 39 chiusure. Leggero segno meno invece per il manifatturiero (962 microimprese totali, -0,1%): le chiusure superano le aperture di appena un'unità (20 contro 19). Segnali positivi a Imperia. L'artigianato provinciale cresce di 55 unità nel trimestre (155 nuove realtà e 100 chiusure), per un trend in progresso dello 0,8% su un totale di 7.086 microimprese attive. Crescono edilizia e manifatturiero, rispettivamente dello 0,6% e dello 0,7%. Nel primo caso, sulle 3.772 microimprese totali, si contano 75 nuove attività e 52 chiusure nel trimestre. Le attività manifatturiere si attestano sulle 1.014 unità produttive totali, con 22 aperture e 15 chiusure nel corso dei tre mesi.

Sabato 3 agosto 2019 alle 10:00:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova


































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News