Notizie cronaca genova Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 14.30 del 18 Giugno 2018

Alloggi popolari, Toti: «Grave il giudizio della Corte costituzionale"

Il Governatore ligure: «Andiamo avanti per aiutare i cittadini più deboli»

STOP DEI GIUDICI
Alloggi popolari, Toti: «Grave il giudizio della Corte costituzionale`

Liguria - «Invece di occuparsi dei veri bisogni dei cittadini, il passato governo di centro sinistra ha ben pensato di intervenire su una nostra legge che dava a liguri e italiani la priorità sulle case popolari e che ora è stata bloccata, un atto grave ma che non ferma il nostro lavoro. Come Regione Liguria infatti andremo avanti ad aiutare i cittadini più deboli e a rispondere alle loro reali esigenze»: il Presidente della Regione Liguria Giovanni Toti commenta così la sentenza della Corte Costituzionale che ha dichiarato illegittimo l'articolo 4 della legge regionale 13 del 2017 sulle case popolari.

Sentenza - «Ritengo gravissimo – aggiunge Toti - che mentre i territori come il nostro con grande impegno sono concentrati per aiutare i cittadini, soprattutto quelli più deboli, dallo Stato, anche attraverso questa sentenza, arrivi un giudizio negativo che danneggia in primis gli stessi cittadini italiani». «La sentenza parla di irragionevolezze e mancanza di proporzionalità – spiega invece l'assessore alle Politiche Abitative ed Edilizia, Marco Scajola – Io invece ritengo che la nostra legge, in questo articolo applicava proprio un concetto di ragionevolezza e di proporzionalità, mettendo al centro delle nostre politiche gli italiani più deboli e bisognosi, dei quali da troppi anni il governo non si interessa».

Residenza - «Il nostro lavoro va avanti – prosegue l'assessore - poiché noi continuiamo la politica di mettere al centro gli italiani e chi da più tempo risiede sul nostro territorio. Infatti la nostra legge comunque prevede, e ciò non è stato assolutamente contestato, i cinque anni di residenza nell'ambito territoriale del Comune dove si fa richiesta per poter ottenere l'alloggio. Valuteremo ulteriori modifiche – conclude Scajola - ma sempre nell'ottica di favorire chi ha più bisogno, cioè i nostri concittadini, poiché non può passare il concetto che se sei italiano, i tuoi diritti vengano messi in secondo piano, o peggio ancora, vengano calpestati dal tuo stesso Stato».

Giovedì 24 maggio 2018 alle 21:05:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova


































Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News