Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 15.45 del 12 Dicembre 2019

Autonomia, M5S: «La richiesta deve tenere conto delle esigenze dei cittadini»

Autonomia, M5S: «La richiesta deve tenere conto delle esigenze dei cittadini»

Liguria - «Riteniamo che la richiesta di autonomia differenziata abbia senso nel momento in cui viene calibrata su quelle che sono le reali esigenze di un territorio e sulle possibilità di trarne un vantaggio concreto. Scelta ragionata che invece era del tutto assente nella prima versione di delibera della Giunta Toti, che ci siamo ritrovati già preparato e predisposto e dove si è chiesto di tutto e di più: sono state infatti toccate le tematiche a 360°, nell'ottica di chiedere al Governo il più possibile, per vedere poi che cosa si sarebbe potuto portare a casa. Così facendo si rischia che l'Ente debba far fronte a oneri insostenibili. Regione Liguria però è già in difficoltà, avendo un residuo fiscale in passivo»: così, il Gruppo 5 Stelle oggi in Aula, in merito alla discussione sull'autonomia differenziata.

«Partendo dalla consapevolezza che sarebbe più proficuo richiedere una parte di autonomia su argomenti specifici, in maniera calibrata rispetto a quelle che sono le nostre possibilità, è stato redatto un documento condiviso - continuano poi i pentastellati -. Il documento prevede anche la nostra proposta di autonomia finanziaria di una parte del gettito fiscale sulla portualità, che in Liguria è il settore più ricco e remunerativo, in modo tale che una parte di quella ricchezza resti sul territorio. Grazie ai nostri interventi in Aula è stato incluso nel documento condiviso e votato e per questo esprimiamo soddisfazione».

«Peccato che non sia stato accolto invece il nostro progetto per reinvestire quel denaro anche nel potenziamento del Trasporto pubblico locale: sarebbe stata un'ottima occasione di vicinanza alle esigenze dei cittadini, anche a titolo compensativo rispetto alle servitù industriali e all'inquinamento che giocoforza insistono sul territorio ligure in presenza dei porti. Surreale che in Aula, su questo specifico progetto a favore soprattutto della cittadinanza interferita dalle attività portuali, sia arrivato parere negativo niente meno che da Rete a Sinistra e PD - proseguono - Siamo riusciti invece a far accogliere i nostri Odg su autonomia finanziaria sanitaria e sul diritto allo studio, impegnando così la Giunta e gli assessorati di competenza ad adoperarsi affinché i servizi rispondano poi alle reali esigenze dei liguri in materia di salute: farmaci, copertura sanitaria e maggiore accessibilità ai servizi su base regionale, in base alla disponibilità economica dei singoli soggetti, e sulla formazione scolastica, sull'alta formazione, con l'impegno a relazionare in Commissione Bilancio in Regione tutte le risorse impegnate in questo settore».

Lunedì 15 aprile 2019 alle 16:25:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova


































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News