Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 13.40 del 23 Luglio 2019

Benifei ritorna a Bruxelles: è l'unico ligure nel Parlamento europeo

L'esponente spezzino del Pd passa guadagnando il quinto posto in lista per preferenze. Il leghista spera di spuntarla grazie ai voti genovesi, ma è fortemente a rischio. Bocciati tutti gli altri.

campomenosi in bilico
Benifei ritorna a Bruxelles: è l´unico ligure nel Parlamento europeo

Liguria - Obiettivo centrato per Brando Benifei, che rappresenterà la circoscrizione del Nord Ovest italiano nel Parlamento europeo per altri cinque anni. L'europarlamentare spezzino ha ottenuto 50mila preferenze ed è il candidato più votato in Liguria, piazzandosi al quinto posto della lista delle preferenze del Partito democratico, che, avendo ottenuto il 23,45 per cento, elegge proprio cinque esponenti.
Certa la sconfitta di tutti gli altri liguri in lizza, dai grillini Silvia Malivindi e Marco Mes, all'assessore regionale Gianni Berrino, sino all'azzurro Massimiliano Grimaldi. Resta ancora in bilico, la posizione di Marco Campomenosi, leghista che si gioca sul filo delle preferenze l'ultimo posto disponibile della lista degli eletti del Carroccio.
"Sono molto contento - dichiara Benifei a CDS, al termine di un after hour elettorale proseguito sino a mattinata inoltrata - ma avverto anche la responsabilità di essere l'unico parlamentare europeo della Liguria. Ho già alle spalle l'esperienza del primo mandato e la metterò a disposizione per il territorio dal quale provengo, per il quale farò sempre il massimo".

Il successo di Benifei arriva in un contesto in cui il Partito democratico non brilla di certo: rispetto a cinque anni fa le cose sono radicalmente cambiate e la soddisfazione che serpeggia tra i vertici e gli iscritti risiede tutta nel sorpasso operato ai danni del Movimento cinque stelle e nel non essere sprofondati dopo la sconfitta di un anno fa alle Politiche.
"L'affermazione della Lega è preoccupante - ammette Benifei - ma non mi stupisce: dopo mesi di non governo, trascorsi in litigi su diversi argomenti, gli elettori si sono affidati a chi dà l'impressione di avere la possibilità di sbloccare la situazione. Ma questo consenso svanirà perché anche Salvini non è in grado di dare le risposte che gli italiani cercano. Siamo in una condizione economica di crescita zero e presto ci sarà quell'aumento dell'Iva che nessuno degli esponenti della maggioranza ai quali ho chiesto spiegazioni sa come si possa evitare. Nel frattempo il Pd si propone come l'unica alternativa possibile alla Lega e a questo governo. Anche in Europa dovremo lavorare insieme alla sinistra e ai verdi per creare un soggetto che si contrapponga alla probabile alleanza nascente tra vecchia e nuova destra. E' venuto il momento di affrontare di petto questa situazione".

TH.D.L.

Lunedì 27 maggio 2019 alle 13:20:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova


































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News