Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 21.00 del 12 Novembre 2018

Mai: «A fine anno riusciremo a evadere le domande del 2016, del 2017 e di parte del 2018».

Così l'assessore regionale all'Agricoltura ha risposto in consiglio regionale sui ritardi nei pagamenti per l'allevamento di animali a rischio estinzione

Mai: «A fine anno riusciremo a evadere le domande del 2016, del 2017 e di parte del 2018».

Liguria - Questa mattina in consiglio regionale sono state presentate tre interpellanze riguardo i motivi del ritardo della concessione dei finanziamenti e i tempi certi entro i quali gli allevatori della mucca cabannina potranno beneficiare delle risorse previste dal Piano di sviluppo rurale (Psr) 2014/2020.

Garibaldi «ha chiesto i motivi dei ritardi dei pagamenti arretrati del PSR per le razze in via di estinzione e quando saranno erogati. Garibaldi ha ricordato che per questa sezione sono stati aperti fra 2016 e 2018 bandi specifici ma sussistono ritardi nell’erogazione a partire dall’annualità 2016 , ha rilevato che il PSR Liguria, secondo i dati aggiornati al 30 giugno 2018, è l’ultima regione d’Italia per l’avanzamento della spesa sulla dotazione complessiva, con una percentuale del 6,73%, a fronte di una media nazionale del 18,43%» Pisani ha chiesto invece «il motivo del ritardo nel versamento di quanto dovuto del PSR 2014-20 agli allevatori della mucca Cabannina della Val d’Aveto e le tempistiche entro cui si provvederà all’erogazione. Il consigliere ha rilevato che i fondi per la tutela di bovini di razza Cabannina sono previste proprio per contenere il fenomeno dell’abbandono delle aree marginali, conservando una presenza antropica per la difesa e la gestione del territorio».

L’assessore all’agricoltura Stefano Mai in una lunga e dettagliata risposta «ha illustrato il numero di domande pervenute, lo stato delle istruttorie e le domande liquidate per gli anni 2016 e 2017». Mai ha sottolineato le difficoltà a istruire le pratiche dovute al fatto che Agea ha fornito il software necessario solo nell’agosto scorso. L’assessore ha ricordato di avere potenziato il personale dell’ufficio addetto a queste pratiche: «Oggi, da quando abbiamo potuto utilizzare il software, siamo a buon punto e - ha assicurato - a fine anno riusciremo a evadere le domande rimaste del 2016, del 2017 e di parte del 2018».



Martedì 16 ottobre 2018 alle 15:30:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova

































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News