Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 19.20 del 13 Dicembre 2018

Nomina scrutatori a Rapallo, M5S: «Bocciata la mozione per favorire gli studenti e i disoccupati»

Nomina scrutatori a Rapallo, M5S: «Bocciata la mozione per favorire gli studenti e i disoccupati»

Liguria - «Ieri, con la bocciatura della nostra mozione per la priorità alla nomina di scrutatori a studenti, disoccupati e persone in difficoltà economica, è stata scritta una delle pagine più tristi ed umilianti della storia politica della Giunta Bagnasco e della maggioranza, che si è confermata una volta di più lontana anni luce dalle esigenze dei propri cittadini. Il tutto con la complicità della presunta opposizione, che negli ultimi quattro anni non è semplicemente pervenuta. Insomma, una grande occasione persa per dare ossigeno e respiro alle fasce più deboli della nostra cittadinanza, che, grazie a questa mozione, avrebbero avuto la possibilità di rivestire l'importante ruolo di scrutatore alle prossime elezioni comunali, arrotondando il proprio reddito e, al tempo stesso, offrendo un servizio civico vitale per la democrazia»: lo hanno dichiarato Fabio Tosi, portavoce MoVimento 5 Stelle Liguria e Federico Solari, portavoce MoVimento 5 Stelle Rapallo.

«La mozione traeva spunto nei principi dalla legge del MoVimento 5 Stelle, recentemente approvata in Regione, che si applicherà alle future elezioni regionali. Rapallo aveva l'occasione di essere capofila di un'iniziativa anche a livello comunale, sulla scia di una iniziativa analoga adottata nel vicino comune di Sestri Levante - hanno proseguito - Evidentemente a centrodestra e centrosinistra non interessa la sostanza della proposta, ma il nome del proponente: e se si tratta del MoVimento 5 Stelle, nella retorica stantia della vecchia politica, automaticamente ogni proposta o legge diventa demagogia, populismo».

1Un atteggiamento di grave chiusura, confermata dalle motivazioni, ancora più gravi, addotte in aula dal sindaco, che ha definito pubblicamente "provinciale" la legge regionale e addirittura "non adatti" i disoccupati, offendendo i tanti laureati senza reddito, gli studenti, le tante persone validissime e dal curriculum di tutto rispetto che vivono un momento di difficoltà o sono momentaneamente in cerca di occupazione», hanno concluso.

Mercoledì 27 giugno 2018 alle 14:30:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova

































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News