Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 14.00 del 22 Luglio 2018

Pastorino: «A fianco dei lavoratori del servizio mensa di Istituto Maugeri»

Non possono essere sempre i lavoratori a pagare il rezzo dei cambi d'appalto".

Pastorino: «A fianco dei lavoratori del servizio mensa di Istituto Maugeri»

Liguria - Stamane il capogruppo di Rete a Sinistra / LiberaMente Liguria Gianni Pastorino ha partecipato al presidio delle lavoratrici del servizio mensa presso l'Istituto Maugeri di Nervi, le quali «denunciano gravi scelte aziendali della ditta subentrata nell'appalto: taglio drastico del monte ore settimanale per ciascun dipendente e, in alcuni casi già riscontrati, una retrocessione contrattuale di 2 livelli. Misure che inevitabilmente si ripercuotono sulla retribuzione, con tagli e penalizzazioni consistenti».

«Al Maugeri il lavoro c'è: è evidente, orari di lavoro e livelli contrattuali devono essere immediatamente ripristinati. Impensabile, ad esempio, che la cuoca passi da 38 a 15 ore settimanali, perdendo al contempo il livello contrattuale che ha legittimamente maturato – dichiara Pastorino -. La vicenda riguarda 4 lavoratrici, ma è emblematica di cosa possa succedere nei piccoli appalti: perché quando i numeri sono piccoli le tutele diminuiscono, i lavoratori sono più bersagliati e diventano facilmente ricattabili. La condizione diventa "prendere o lasciare"».

«Ci risulta che la subentrante CIR Food sia approdata al cambio d'appalto col progetto dichiarato di ridurre le ore di lavoro. Il prezzo dell'offerta è stato formulato considerando soltanto gli interessi economici dell'azienda, non l'organizzazione né tantomeno il costo reale del lavoro presente sull'appalto – commenta Pastorino -. Condividiamo la posizione delle parti sociali e dunque chiediamo l'applicazione del contratto collettivo nazionale, su cui c'è già stato un accordo fra imprese e sindacati. Per noi tutela occupazionale e salariale vengono prima di tutto. Solleciteremo l'intervento della regione, chiedendo anzitutto una conferenza capigruppo alla presenza delle organizzazioni sindacali e degli assessori competenti. Non possono essere sempre le lavoratrici e i lavoratori a pagare il prezzo dei cambi d'appalto».

Giovedì 5 luglio 2018 alle 14:00:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova
































Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News