Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 22.20 del 23 Gennaio 2019

Per la Liguria arriva "It Alert". Un'app per le allerte meteo

SPERIMENTAZIONE
Per la Liguria arriva `It Alert`. Un´app per le allerte meteo

Liguria - Sarà la Fondazione Cima a sviluppare e condurre la sperimentazione di un sistema di allertamento in grado di inviare, attraverso una app, messaggi a tutti gli smartphone presenti in un territorio. Il progetto si chiama "IT Alert" e verrà sperimentato in Liguria. La Fondazione lavorerà anche a un sistema che permetta alle autorità portuali di dialogare con i sistemi di allertamento regionale. Sono due dei temi discussi ieri dal Consiglio di Amministrazione della Fondazione Cima, cui ha partecipato anche il Capo della Protezione Civile Angelo Borrelli.

«Il Capo del Dipartimento nazionale - ha detto l'assessore Giacomo Giampedrone, che rappresenta la Regione nel Cda della Fondazione - ha ribadito oggi un'attenzione particolare al sistema di protezione civile ligure e al livello di rischio di questo territorio, anche ma non solo rispetto agli eventi che hanno caratterizzato il 2018. La Fondazione Cima è un partner indispensabile, uno strumento scientifico e tecnologico che fa progredire continuamente il nostro sistema. Ho posto all'attenzione del Consiglio di Amministrazione della Fondazione due temi nuovi emersi nelle ultime emergenze idrogeologiche. Il primo: coinvolgere la Fondazione nel percorso che dovrà portare le autorità portuali ad avere un piano di protezione civile che parli con le nostre allerte. È un tema già dibattuto in Consiglio regionale, su cui i sindacati e le autorità portuali stesse hanno chiesto alla Regione Liguria di fare da coordinamento. Abbiamo bisogno della codifica di un livello di rischio che dialoghi con il nostro sistema di allertamento: i due sistemi oggi non si parlano ed è una criticità evidenziata proprio dall'ultima emergenza. Il secondo tema riguarda uno dei territori più pregiati ma anche più fragili della nostra regione: le Cinque Terre. Abbiamo bisogno di un piano di protezione civile specifico per quel territorio che tenga conto, oltre che delle numerose criticità idrogeologiche, anche dell’imponente flusso turistico che si concentra soprattutto nella bella stagione. Le allerte per temporali si verificano prevalentemente in autunno e in inverno ma possono capitare anche in altre stagioni. Per questo ho chiesto alla Fondazione Cima di cominciare nel 2019 a mettere in campo alcune azioni che siano funzionali a un piano di protezione civile più ampio che parli con quelli comunali e che sia uno strumento utile ai sindaci e al Parco per gestire i flussi nel territorio in caso di allerta. A questo si aggiunge anche la sperimentazione sulla app IT Alert, che riguarderà tutta la Liguria. Nelle Cinque Terre sarà utile soprattutto per raggiungere i molti stranieri».

«La Fondazione Cima cresce ogni anno di più - ha detto il Capo della Protezione Civile Angelo Borrelli - e insieme a lei Acrotec, la sua costola tecnologica che ci aiuterà a sviluppare questa piattaforma di allertamento. Abbiamo programmi ambiziosi: nel giro di un anno, massimo un anno e mezzo vorremmo che fosse già operativa su tutto il territorio nazionale, quindi la sperimentazione in Liguria dovrebbe cominciare nel corso del 2019».

Mercoledì 12 dicembre 2018 alle 16:00:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova

































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News