Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 18.23 del 11 Dicembre 2018

Terzo Valico, M5S: «Tutelare i posti di lavoro» | Foto | Video

Terzo Valico, M5S: «Tutelare i posti di lavoro»<span class=´linkFotoA1Articolo´> | <a href=´/fotogallery/i-lavoratori-del-terzo-valico-verso-la-regione-645_1.aspx´ class=´FotoVideoA1´>Foto</a></span><span class=´linkFotoA1Articolo´> | <a href=´/videogallery/gli-edili-urlano-la-loro-rabbia-in-consiglio-regionale-toninelli-sblocca-i-soldi-2059.aspx´ class=´FotoVideoA1´>Video</a></span>

Liguria - «Toti indaghi presso il consorzio Cociv sulle reali motivazioni delle lettere di licenziamento ricevute dai lavoratori e riferisca prontamente ai sindacati e in Consiglio regionale. In un momento così critico per Genova, vanno tutelati i posti di lavoro e salvaguardate le maestranze genovesi»: lo ha chiesto oggi il MoVimento 5 Stelle in Consiglio regionale, presentando anche un Ordine del giorno sul tema, bocciato dall'aula.

«Un accordo del maggio 2017 tra Cociv e RFI, che ha rafforzato le funzioni di controllo di quest'ultima nell'esecuzione dell'opera, insieme a una delibera CIPE approvata a dicembre 2017, garantiscono i finanziamenti del V Lotto, del valore complessivo di 1.060 milioni di euro come assicurato da RFI e dal Ministro dei Trasporti Toninelli. Quanto alle lettere di licenziamento, non esiste un diretto legame con la consegna del V Lotto, i cui cantieri sono garantiti da un accordo tra Rfi e il General contractor. Concetto ribadito appunto dallo stesso ministro dei Trasporti Toninelli, che ha parlato di 'allarmismi infondati' circa presunti stop ai lavori e a ipotesi di licenziamento - dicono i portavoce del M5S - Secondo quanto è emerso da fonti sindacali, le lettere di licenziamento riguarderebbero in particolare il territorio ligure e, in special modo, Genova e la val Polcevera, uno tra i municipi economicamente e socialmente maggiormente colpiti dalla tragedia del ponte Morandi - proseguono i consiglieri M5S - Uno scenario, questo, ancora più preoccupante che va scongiurato a tutti i costi, a prescindere da ogni altra valutazione».

«È vergognoso che sia stato rigettato il nostro ordine del giorno con cui chiediamo al presidente Toti di farsi portavoce dei diritti dei lavoratori presso il consorzio Cociv, con l'obiettivo di capire quali siano le motivazioni che stanno dietro alle lettere di licenziamento, tanto più che per una crisi lavorativa analoga tra i lavoratori del Terzo Valico nell'alessandrino, poi risoltosi con un accordo tra lavoratori e impresa, la ditta aggiudicataria ha dichiarato con un comunicato stampa che le motivazioni alla base erano legati a vere e proprie rese dei conti interni fra le imprese, non dunque in nessun caso all'analisi costi-benefici del Ministro dei Trasporti», concludono i portavoce M5S.

Martedì 23 ottobre 2018 alle 17:15:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fotogallery

Video

23/10/2018 - Gli edili urlano la loro rabbia in Consiglio regionale: «Toninelli sblocca i soldi»



Notizie Genova

































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News