Notizie cronaca genova Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 21.15 del 26 Aprile 2018

Presentato lo studio del Corecom "Media in Liguria", ignorati i quotidiani online

Presentato lo studio del Corecom `Media in Liguria`, ignorati i quotidiani online

Genova - In rapporto alla popolazione residente, la nostra è la regione con la più alta diffusione di quotidiani a stampa: 137 copie vendute ogni mille abitanti a fronte di una media di 79 a livello nazionale. Il dato emerge dall’indagine condotta per il Corecom da Isimm Ricerche e presentata questa mattina a Genova durante il convegno “I media della Liguria fra crisi ed innovazione digitale”.
Una ricerca che comprende anche dati ed analisi riguardanti emittenti televisive e radiofoniche, rispettivamente diciotto e ventitré su tutto il territorio. Spiace constatare però come nel report commissionato dal Comitato Regionale per le Comunicazioni sia stato del tutto ignorato il lavoro dei quotidiani on line, nonostante “la determinazione dello stato attuale e delle prospettive del panorama mediatico regionale” e “l’approfondimento di alcuni temi centrali del panorama mediatico regionale” fossero gli obiettivi principali dello studio limitato invece all’elaborazione dei dati riguardanti carta stampata, radio e tv.
Le testate esclusivamente on line e regolarmente registrate sono ormai una realtà solidissima sia in Italia che nella nostra regione nella quale dal 2001 ad oggi sono cresciute fino a consolidarsi in un settore che raggiunge ormai i due milioni di contatti mensili solo con Gruppo Editoriale Ligure (Cittadigenova e Cittadellaspezia), Edinet (Genova24 e Ivg) e Riviera24, presenti oggi all’incontro. Quotidiani in grado di offrire un’informazione a 360° costantemente aggiornata, fruibile a tutti, pluralista e soprattutto ben radicata nel territorio come ha dimostrato anche l’incessante attività di informazione in tempo reale svolta durante le recenti alluvioni.
Con largo anticipo rispetto ai media tradizionali, i quotidiani sul Web hanno inoltre sviluppato in modo capillare la diffusione dei propri contenuti attraverso i social network, raggiungendo direttamente anche l’utenza più giovane che quotidianamente consulta la Rete da computer o smartphone, diventando spesso anche bacino d’informazione per i network nazionali che non seguono direttamente le cronache locali.
Un settore dunque in grande espansione come sottolineato anche dal rapporto dell’Isimm che indica come nei primi 5 mesi del 2011 è cresciuta solo la pubblicità on line (+15,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, e si tratta in cifre assolute di valori contenuti se paragonati a quelli dell’editoria e di Tv e radio) mentre hanno accusato perdite più o meno pesanti tutti gli altri canali che possono anche contare sui contributi statali. Risorse pubblicitarie che rappresentano l’unico veicolo di sostentamento dato che la consultazione di tutti i quotidiani è gratuita.
Se il giro d’affari è nettamente inferiore a quello del comparto dei media ‘tradizionali’, la realtà dei portali può sicuramente competere per quanto riguarda la diffusione: Anso, Associazione Nazionale della Stampa Online, raccoglie infatti circa cento testate che ogni giorno assicurano quasi 2500 notizie da ogni angolo dell’Italia.
Potenzialità evidenziate anche dall’onorevole Antonio Martusciello, Commissario Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni il quale concludendo il suo intervento ha sottolineato: “Oggi internet ha 26 milioni di utenti nel nostro paese, e il loro numero è in continuo aumento, il 20 per cento degli italiani ormai le notizie le cerca solo su internet e questo ha determinato il boom delle testate on line. Tuttavia se non si trova un modo per remunerare e tutelare gli autori di contenuti, il rischio è che i contenuti stessi scompaiano dalla rete o si depauperino fortemente per rifugiarsi sulle piattaforme a pagamento come le pay tv”.
Cifre che riguardano da vicino noi ma soprattutto i nostri lettori, gli stessi che leggono i quotidiani, guardano la tv, ascoltano la radio e s’informano attraverso la Rete. Anche in Liguria.

Lunedì 28 novembre 2011 alle 19:35:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova
































Uffici redazione: Palazzo Ducale, primo piano del cortile maggiore
Piazza Matteotti 9, 16123, Genova - tel. (+39) 010 8935042 fax (+39) 010 8934973

Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News